Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Arriva l'aurora

L'immaginazione...
provoca il fare
e il disfare dell'anima
ma cavalco la sua ombra
sino al sole della ragione.
Troverò la strada...
il giorno è alle porte...
Con lo sguardo
rivolto al cielo,
cerco i tuoi occhi,
il tuo viso,
te...
mentre s'intrecciano colori
e arriva l'aurora...
poi passa, ripassa
e torna a scomparire,
in un susseguirsi continuo...
imprevedibile...
meraviglioso.
Composta mercoledì 10 novembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    La sfida della vita

    Cammina...
    sui carboni ardenti
    del mio cuore...
    muovi i tuoi passi...
    senza incertezze...
    senza indugi...
    Danza...
    a piedi nudi,
    sulla spiaggia del domani,
    bagnando la tua anima
    nel mare dei ricordi...
    tra onde silenziose
    e prive di perché...
    Grida...
    sulla cima dell'amore,
    momenti di viva
    e intensa emozione...
    lasciando al vento,
    la meta del desìo...
    Sogna...
    nel cielo dei misteri...
    il senso...
    di una luna innamorata,
    che vede l'avvenire,
    illuminarsi...
    di mille monili,
    di felicità.
    Composta giovedì 11 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      Fango

      Camminerò a piedi nudi
      sul tappeto dell'indifferenza
      lasciando le mie orme
      a chi vive nel tormento
      e si lascia inaridire
      senza gioia e senza amore.

      Non chiuderò gli occhi
      attraversando
      i sentieri della falsità
      guarderò aldilà
      dei pregiudizi
      e menti corazzate.

      Rimboccherò le maniche
      per spalare questa terra
      che bagnata dalla pioggia
      è diventata fango.
      Composta sabato 27 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        'O Vient' (Il vento)

        E' trasparente
        nun 'o può tuccà
        nu' fantasma scustumato
        ca nun tene...
        nè rispetto...
        nè bbona crianza...
        Trase e nun domanda
        e nun 'o può caccià
        Passa e nun saluta...
        ... 'o fà pe pazzia'...
        si tien' 'o cappiello
        te l'adda fà zumpà.
        Se sente raffinato,
        gentile, garbato
        ma è nu' screanzato
        è meglio evità.
        Ma quann' t'accarezza
        'o fa' cu' riverenza
        te sfiora...
        chianu chianu
        'e te fa' rilassa'.

        E' trasparente
        non puoi toccarlo
        un fantasma maleducato
        che non ha...
        nè rispetto...
        nè educazione...
        Entra e non domanda
        e non puoi mandarlo via
        Passa e non saluta...
        lo fà per giocare...
        se porti il cappello
        te lo farà volare.
        Si sente raffinato
        gentile, garbato
        ma è un villano...
        meglio evitarlo.
        Ma quando ti accarezza
        lo fà con riverenza
        ti sfiora delicatamente
        e ti fà rilassare.
        Composta martedì 30 novembre 2010
        Vota la poesia: Commenta