Poesie di Marco Bartiromo

Artista, nato martedì 15 dicembre 1959 a Portici(NA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Marco Bartiromo

Vorrei

Vorrei...
... essere il silenzio
che non smetterà mai
di seguire la voce del tuo cuore
Vorrei...
... essere una stella
che non smetterà mai
di illuminare i tuoi sogni
Vorrei...
... essere una lacrima
che non smetterà mai
di solcare il tuo viso
Vorrei...
... essere il sorriso
che non smetterà mai
di brillare sulle tue labbra
Vorrei...
... essere me stesso
che non smetterà mai
di amarti come adesso.
Marco Bartiromo
Composta giovedì 8 aprile 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Marco Bartiromo

    'A Surpres' (La sorpresa)

    Dint" a 'nu club' e 'na citta' pavese
    me 'nammuraje 'e chist' uocchie, bell'assaje
    'nu tupp' 'ncap e 'o mandesino 'ncuoll'
    curriv' miez' e tavol' a servì
    veniste 'annanze a 'mmè, comma 'nu ciore
    'cà sboccia sulo quann'è primmavera
    'a tavola 'mbandist e me diciste:

    In un club, di una città pavese
    mi innamorai di questi occhi bellissimi
    i capelli raccolti e un grembiule addosso
    correvi per i tavoli, per servire
    ti presentasti a me, come un fiore
    che sboccia quando è primavera
    apparecchiasti la tavola e mi dicesti:

    Si chest' è 'a primma 'vota 'ca venite
    ve pozz' cunsiglià 'nu menù fisso
    magnate tanto ma pavate poco
    aropp' 've sentite sazio' assaje
    've pozz' garantì 'ca 'o vin' è bbuon'
    've port' 'nu quartin' p'assaggià

    Se è la prima volta che venite
    vi posso consigliare un menù fisso
    mangiate molto ma pagate poco
    dopo vi sentirete sazio
    vi posso garantire che il vino è buono
    per adesso ve ne porto un quarto, per assaggiare.

    Dicenn' 'si 'ca capa, io scapuzziav'
    'mmobile restai, senza parlà
    a musica sunav' dinto 'o core
    'na melodia 'ca sule l'ammore te pò dà
    ma forza me facette e 'o nomme tuoie, era sapè
    e mentre tu servivi 'a tutt' quant'
    dicette: Piccerè, famme sapè...


    Gli dissi si, con il movimento della testa
    rimasi immobile, senza parlare
    una musica suonava nel cuore
    una melodia che solo l'amore può dare
    mi feci forza, ero desideroso di conoscere il tuo nome
    così, mentre tu servivi gli altri
    ti dissi: Piccola, fammi sapere di te...

    io song' n'emigrante comm'a' 'tte ma sò sincera
    'o 'vuo' sapè pecché me trova a 'cca'?
    'O nomm' e 'nu chirurg' mann' rat'
    'ca ma operat' quatt' mise fà
    me chiamm' mario ma 'mò l'aggia cagnà
    pecché na femmena ma fatto addivintà

    Anche io sono un emigrante e sono sincera
    vuoi sapere perché mi trovo quì?
    Mi hanno consigliato un chirurgo
    che mi ha operato quattro mesi fà
    il mio nome è mario ma dovrò cambiarlo
    perché adesso sono diventata una donna.
    Marco Bartiromo
    Composta sabato 10 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Marco Bartiromo

      Incubo e utopia

      Un gatto che ti graffia
      un cane che guaisce
      la corsa di un cavallo
      nel mare cristallino
      le mura di una casa
      che tu non hai mai visto
      Ti svegli la mattina
      e metti a fuoco tutto
      cercando di abbinare
      l'ambo da giocare.
      Ma devi dare un senso
      al sogno ricorrente
      seguendo la psicosi
      della realtà latente
      l'umore del momento
      può essere fatale
      si può scambiare il sogno
      all'incubo banale.
      L'incanto è un desiderio
      non quello che viviamo
      se tu lo vuoi giocare
      cerca di ricordare
      e prova a valutare
      se c'è la differenza
      l'esatta discrepanza
      tra incubo e utopia.
      Marco Bartiromo
      Composta lunedì 12 aprile 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Marco Bartiromo

        La brezza di Natale

        Sei nato
        sei con noi
        ti vedo rannicchiato
        in questa fredda grotta
        intorno a te calore
        preghiere e devozione
        viandanti d'ogni parte
        ti riempiono di doni
        tra limpide cascate
        e floridi giardini
        ora che sei arrivato
        ti chiedo riverente
        di non andar più via
        di non lasciarci soli.
        Ma se ti guardo in viso
        ti vedo rabbuiato
        triste, desolato
        qualcosa non ti piace
        non ti va più giù
        non è lo stesso mondo
        che hai creato tu
        ti sforzi, ti concentri
        ma vedi solo buio
        tu pensi che sia nebbia
        e cerchi di spostarla
        un senso di disgusto
        ti provoca il contatto
        ti stai rendendo conto
        di come è diventato
        un mondo travisato
        sporco ed ammalato
        gli avevi dato tanto
        adesso sei arrabbiato
        ci trovi l'arroganza
        l'invidia, l'ignoranza
        un mondo disperato
        senza fratellanza
        adesso che sei qui
        accendi questa luce
        illumina per sempre
        quel che non c'è più
        portando l'allegria
        e un mondo di speranza
        per chi ha penato tanto
        e cerca un po' di pace
        un poco di certezza
        in questo mondo triste
        ti guardo ancora e vedo
        che soffi leggermente
        una leggera brezza
        arriva fino a noi
        quel vento delicato
        sposta le campane
        e lascia per le strade
        un suono delicato
        si insinua lentamente
        nei cuori della gente
        li scalda, li ritempra
        li fa sentir più buoni
        luci, colori
        tutto intorno è vivo
        qualcosa non andava
        adesso l'ho capito
        quel che ci mancava
        era soltanto amore
        un'emozione strana
        ma di grande effetto
        portiamola con noi
        ma non soltanto a letto.
        Marco Bartiromo
        Composta domenica 20 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Marco Bartiromo

          Il mondo virtuale

          In un mondo virtuale
          dove tutto si può...
          dove nasce l'amore
          tra messaggi e canzoni
          tra follie disperate
          ed intrecci del cuore
          tra emozioni perdute
          che pensavi già morte
          sensazioni nascoste
          che rinascono forti
          puoi trovare di tutto
          nella valle del muto
          tanta musica in testa
          e la voce fà festa
          Ma nel mondo fatato
          puoi trovare l'amico
          basta solo l'invito
          ed il pranzo è servito
          una parte di te
          in cui tanto hai creduto
          un amico virtuale
          che diventa reale
          se ci metti il rispetto
          e l'amore che hai dentro
          Dagli tutto il tuo cuore
          e vedrai che la vita
          non sarà mai finita.
          Marco Bartiromo
          Composta giovedì 7 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di