Questo sito contribuisce alla audience di

Sun triste (Sono triste)

Da u , cun forsa
u ciuve agugge:
e-u lampa spessu
sci u m cheu bugge.

Sn triste: a ercu
faccia amiga:
nu gh' d'inturnu
traccia de vitta,

ma sulu lampi,
u m in tempesta
e l'egua freida
che-a cazze lesta

da-u neigru .


Dal cielo (=e), con forza - piovono gocce aguzze (=agugge): - e lampeggia continuamente - sul mare che bolle (=bugge).
Sono triste: e cerco - faccia amica: - non c' nei dintorni - traccia di vita,
ma solo lampi, - il mare in tempesta e l'acqua fredda - che casca sulla testa-
dal cielo nero.
Vota la poesia: Commenta