Erbo de scitron

A rembo a-e miagge costi de violetta
e d s, che n scda, quarche fetta.

A strada l' deserta, freida e da
e a campagna de verde tutta na.

Ma l drentu ghe son mille lampette
che de l'rbo i cegan tutte e ramette.

E quelo scitron d'u tutto splendente
consola pass da pvia gente.

L' quelo come in'rbo de Natle
che canta in ta campagna z invernle.
Luigi Panero De Leua
Vota la poesia: Commenta

    Cicorietta

    Fragile sciua,
    vitta celeste,
    da cicurietta
    stella d'argentu,
    gussa de
    lungo a-e stradde,
    tra l'erba secca.

    Quande a iga
    lansa poexa
    ti, cicorietta,
    l'uggi ti seri
    e ti t'indormi
    cian cianinettu
    querta de s.

    Ma quand'arbeggia,
    prestu sveggia,
    a-i bordi di sciti,
    a-i p de miagge,
    a-u mundu arsu
    cun vuxe fresca
    ti dixi bungiurnu,

    bungiurnu anche a m...
    Luigi Panero De Leua
    Vota la poesia: Commenta

      Sun triste (Sono triste)

      Da u , cun forsa
      u ciuve agugge:
      e-u lampa spessu
      sci u m cheu bugge.

      Sn triste: a ercu
      faccia amiga:
      nu gh' d'inturnu
      traccia de vitta,

      ma sulu lampi,
      u m in tempesta
      e l'egua freida
      che-a cazze lesta

      da-u neigru .


      Dal cielo (=e), con forza - piovono gocce aguzze (=agugge): - e lampeggia continuamente - sul mare che bolle (=bugge).
      Sono triste: e cerco - faccia amica: - non c' nei dintorni - traccia di vita,
      ma solo lampi, - il mare in tempesta e l'acqua fredda - che casca sulla testa-
      dal cielo nero.
      Luigi Panero De Leua
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di