Poesie di Luca Sant'Ambrogio

Studente, nato lunedì 29 aprile 1991 a Treviglio (Italia)

Scritta da: Luca Sant'Ambrogio

Condanna Eterna

Non trovo un senso in questa condanna eterna,
lasciatemi in un angolo
schivate il rumore amaro
della mia caverna.
La libertà a me concessa
è il buio della notte.
Un antro stretto della casa
denso di fumo e di libri.
Lo spazio diviene musica.
L'aria si fa pura essenza
e si plasma:
la dimensione evapora
e prende altra forma incorporea.
Corrono i passi di danze antiche,
si sfumano sorrisi tra fiocchi e specchi.
Attendo, come un guerriero attende la resa,
la luce del sole
a svegliare la crudeltà delle parole
ed io, sarò pronto a cadere.
Abbandono, di nuovo, la gente a ciò che dice.
Morirò in quest'alba
per rinascere fenice.
Luca Sant'Ambrogio
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di