Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lella Frasca

Nato domenica 1 gennaio 1956 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Lella Frasca

Sedie vuote

È notte!
M'affaccio, lo sguardo si posa lì:
sulle due sedie vuote
ancora bagnate dal solito nubifragio pomeridiano
che ha ulteriormente sconvolto il giardino ormai abbandonato e l'orto!
Foglie ingiallite ed erbacce hanno occupato il posto dei fiori
che tu Mamma custodivi ed amavi!
Alte ortiche e sterpaglie seccate dalla calura del sole si sono impadronite del pugno di terra che tu Papà
con pazienza e stravaganti espedienti seminavi: mo cavoli, carote fave e piselli
e perfino girasoli giganti: i più alti, i più belli!
Una lacrima calda mi cade sul viso
mentre un pugno violento mi cancella il sorriso,
poi, poi alzo lo sguardo: il cielo ormai s'è placato,
resto a gustarlo con lo sguardo incantato
per quanto è limpido e affollato di stelle,
si, milioni di stelle;
molte si avvicinano e sono quelle proprio più brillarelle:
vi cerco là in mezzo a quell'infinito firmamento
ma non è che un attimo, solo un momento!
Lo sguardo torna sulle due sedie vuote!
Intanto lacrime irrefrenabili mi arrivano al mento!
Composta giovedì 26 settembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Cristina va in penzione

    Prima coll'Anas poi coll'Autostrada
    pe più de quarant'anni t'hanno sequestrata,
    na' vita se ce penzi bbene
    su e giù a core disperata pe preparà le cene
    Un furto, no scippo fatto a la gioventù,
    che solo oggi senti che nun ritorna più!

    Cristina cara, hai tribbolato co tutte ste Riforme,
    quasi sembrava che nun c'era via d'uscita
    'nvece a mano a mano che studiavi e nove norme,
    tu ar posto dell'esodati, sei fuggita!

    Zitta zitta nun te sei scorata,
    e approfittanno der periodo de travaijo
    hai sistemato col lavoro pure er fijo
    così contenta, oggi te ne sei annata!

    Ricordi quanno t'ho portata a San Romedio a accenne un cero?
    è stato come se dritto dritto l'hai 'nfilato tutto in culo alla Fornero!

    Da oggi, alla faccia sua, stai in penzione
    penza a tutto er tempo che c'hai mo a disposizione

    Te arzi la matina coll'idea de nun fa un cazzo,
    e te ritrovi a piantà li fiori sur terrazzo!
    Aspetti con amore che ritorna er maritino
    pe faje du mojne durante er riposino!

    Te gusti piano piano er sapore dela libertà
    co tanti tanti auguri a chi te deve sopportà!

    Godetela tutta sta penzione d'oro
    che ai giorni d'oggi è nà rarità!
    Basta pensà che manco co cent'anni de lavoro
    nessuno più come te la prenderà!

    Noi pe' festeggiatte
    te regalamo nà gita a Sammarino
    vedi un po' de sdebitatte
    co 'n gran fiasco de bbon vino!
    Auguri, salute e felicità,
    semo li meijo
    e stamo tutti qua co te a brindà!
    Composta giovedì 23 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      Caterina

      Nun me chiede come t'ho 'ncontrata
      na casella su facebook sé proprio spalancata,
      un clik e me corpisce subbito er tuo viso
      ma quello più sgargiante è stato er tuo soriso!

      Me metto a smucinà la' ner diario
      e scopro a quanto ciai da fa cor corniciaio;
      'nfatti urtimamente hai ripreso a pennellà;
      nele mani e ner cervello ciai un pozzo de creatività!
      Sei Brava! Er mare, li fiori e tutta la Sicilia fai brillà!

      Punto dopo punto hai 'mbastito er coredino...
      Copertina, lenzolo e quarche bavaijno,
      pe' Gaia tua! Il tuo primo confettino!

      Te piace la cucina e ami l'arte culinaria
      e con farmville sei forte pure come agraria!

      Quanno me senti giù, giù ner burone,
      sei tanto cara e me dedichi attenzione.
      E' come se da sempre tu de me te prenni cura
      e credo ner miracolo de na storia bella e duratura!

      Io penso che la passione dele donne
      nun se misura dale gonne
      ma dall'occhi, l'arte, er core
      e da quanto danno amore!

      Stamatina là in cucina
      rimiravo er tuo quadretto
      e pensannote un pochetto stavo già de bell'aspetto!
      Me sai dà forza... e da lontano sei vicina...
      sei speciale oh caterina!
      Composta mercoledì 19 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca

        Un Natale differente

        Volevo un Natale differente
        gioioso e allegro co tutta la famija
        'nvece me sento er core sofferente
        invaso e colmo de malinconia

        Me guardo 'ntorno e sento tanta gente
        ognuno se lamenta a modo suo
        ognuno vede sto governo indifferente
        che pensa solo a sarvà "er culo Suo"

        'nvece de sta dentro ar Parlamento
        e lavorà per bene der Paese,
        s'attaccano in tv in ogni momento,
        senza penzà a chi non passa er mese

        Le fabbriche e le industrie so sparite!
        I fortunati stanno in cassa integrazzione
        ai lavoratori so rimaste solo le ferite
        e le famije campano de disperazzione

        Ai giovani, porelli, nun je rimasto gnente,
        so soffocati, senza via d'uscita!
        Se col'lavoro nun occupano la mente,
        come faranno ad organizzà nà vita!

        Ogni giorno qualche ministro se fa bello,
        Lodo Alfano, processo breve, decreto anti-evasione
        e compiaciuto dell'opposizione ch'è un bordello,
        ce ricorda tutto er bene fatto pe a "Nazione"

        c'hanno fregato cor decoder pe la televisione,
        raschiato co la crisi finanziaria,
        coll'influenza suina ce tengono in tenzione,
        ce privatizzano l'acqua e ce manca solo l'aria

        La sicurezza è un dilemma legato all'immigrati
        ed anche i manganelli se so legalizzati,
        nun cè misura pe sti pori disgraziati
        e ce ammazzano de botte pure i fij, nostri adorati!

        Cambio canale pe nun sentì discute sull'immunità,
        mejo vedesse "la domenica sportiva"
        e te ritrovo, 'nvece, Santità
        che ce vieta la pillola abortiva

        Cercavo un Natale differente
        sereno pe scambiasse l'auguri co la gente
        sento dela croce ar tricolore e me ripja a malinconia,
        sarvognuno: che brutta fine hai fatto Italia mia!
        Composta giovedì 3 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lella Frasca

          Un natale differente

          Volevo un Natale differente
          gioioso e allegro co tutta la famija
          'nvece me sento er core sofferente
          invaso e colmo de malinconia

          Me guardo 'ntorno e sento tanta gente
          ognuno se lamenta a modo suo
          ognuno vede sto governo indifferente
          che pensa solo a sarvà "er culo Suo"

          'nvece de sta dentro ar Parlamento
          e lavorà per bene der Paese,
          s'attaccano in tv in ogni momento,
          senza penzà a chi non passa er mese

          Le fabbriche e le industrie so sparite!
          I fortunati stanno in cassa integrazzione
          ai lavoratori so rimaste solo le ferite
          e le famije campano de disperazzione

          Ai giovani, porelli, nun je rimasto gnente,
          so soffocati, senza via d'uscita!
          Se col'lavoro nun occupano la mente,
          come faranno ad organizzà nà vita!

          Ogni giorno qualche ministro se fa bello,
          Lodo alfano, processo breve, decreto anti-evasione
          e compiaciuto dell'opposizione ch'è un bordello,
          ce ricorda tutto er bene fatto pe a "Nazione"

          c'hanno fregato cor decoder pe la televisione,
          raschiato co la crisi finanziaria,
          coll'influenza suina ce tengono in tenzione,
          ce privatizzano l'acqua e ce manca solo l'aria

          La sicurezza è un dilemma legato all'immigrati
          ed anche i manganelli se so legalizzati,
          nun cè misura pe sti pori disgraziati
          e ce ammazzano de botte pure i fij, nostri adorati!

          Cambio canale pe nun sentì discute sull'immunità,
          mejo vedesse "la domenica sportiva"
          e te ritrovo, 'nvece, Santità
          che ce vieta la pillola abortiva

          Cercavo un Natale differente
          sereno pe scambiasse l'auguri co la gente
          sento dela croce ar tricolore e me ripja a malinconia,
          sarvognuno: che brutta fine che hai fatto Italia mia!
          Composta giovedì 3 dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta