Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Noi essere umani

Ho un cellulare nuovo,
e le tasche piene di parole,
e mi sento un essere umano.
Appena messo gomme nuove alla macchina,
e vado a fare la spesa al supermercato,
il carrello cigola,
e mi sento un essere umano,
un essere disgraziato.
E non accorge nessuno,
che il sole parla camminando sul cielo,
e le nuvole sono piene di parole,
e gli uccelli sono scalze,
e i poeti non hanno più canti,
ma noi, essere umani,
abbiamo un cellulare
le tasche piene di parole,
il carrello di spazzatura.
Oh, essere umano soddisfatto,
i tuoi inutili giorni finiscono,
e che cerchi nel paradiso?
laddove eterna la primavera
e non c'è bisogno di denaro,
e non c'è bisogno di parlare,
esiste solo amore, solo amore.
Composta venerdì 24 marzo 2017
Vota la poesia: Commenta

    La nostra morte non è una fine

    Questo che io penso,
    che la nostra morte non è una fine
    finché posano un fiore sulla tomba,
    e versano lacrime abbondanti,
    ma quando di noi i ricordi
    che non tornano più alla mente
    a chi amavamo e camminavamo tenendoci stretti,
    moriremo veramente,
    e ne di là, ne di qua non ci saremo,
    non ci saremo mai più.
    È unica cosa mi fa star bene
    lasciare il mio posto a un nuovo nascituro,
    e quando la terra sarà stanca di girare,
    e tutto sparirà nello sconosciuto,
    lassù, in quell'eterno splendore,
    che ora brilla nei nostri occhi.
    Composta domenica 26 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta