Poesie di Jessica Piermatti

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Jessica Piermatti
In silenzio l'ha vista arrivare.
Senza dire nulla
ha visto tutto c'ho che è accaduto,
ha sentito ogni parola,
ha visto ogni lacrima
ma non ha mai provato a fermarmi.
Non avrebbe potuto comunque.
Lui non svela i miei segreti,
né quegli episodi che nessuno racconta mai.
Ha visto che non l'ho voluta,
mi ha visto provare a combattere,
ha visto come urlavo,
ha ascoltato i silenzi.
Ha visto tutti gli orrori
anche quelli che io non riesco a fronteggiare.
Ha visto il sangue e annusato gli odori,
ma è stato li
e non se n'è andato.
Quando era tutto finito ed ero sola
l'ho stretto forte ed è stato lì ad ascoltarmi
mentre parlavo di quel dolore che era mio.
È forse banale,
o forse anche stupido,
perché è solo un gatto,
che mangia, graffia
e fa disastri in ogni angolo della casa,
ma è il mio unico conforto,
il mio amico della notte,
l'unico da cui non mi devo nascondere mai.
È il mio Amico, l'unico vero che ho.
Jessica Piermatti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jessica Piermatti
    E se continuassi a cadere?

    Caro Diario,
    ti scrivo con le lacrime agli occhi, oggi non sono forte.
    Oggi. Come ieri e l'altro ieri.
    Penso di aver buttato al vento tante cose,
    ho creduto troppo in quei sogni e in me stessa.
    E ora? Mi sento terribilmente inutile e fallita.

    E se continuassi a cadere?

    Dovrei riprendere il mio cammino, un passo per volta
    ma non ho la forza nemmeno di arrivare a domani.

    E se continuassi a cadere?

    Io posso farcela, niente è perduto, vero?
    Vero che sono ancora in tempo?

    Ma se continuassi a cadere?

    Rispondimi, ti prego.
    Jessica Piermatti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jessica Piermatti
      La tregua è stata davvero troppo piccola,
      non poteva durare ancora un giorno in più?
      Il volo è cominciato da molto in alto
      e ho sbattuto la faccia contro il pavimento
      colorato da tutto ciò che è troppo facile immaginare.

      Perché non si accontenta mai
      e ogni volta che faccio il primo passo
      ricomincia con i suoi eventi del cazzo
      che sempre tutti insieme arrivano,
      come un pullman pieno di trenta persone
      affamate e curiose con la fotocamera appesa al collo.
      Mi sento gli occhi puntati addosso,
      in ogni strada, in ogni luogo,
      perché le piace torturarmi
      e se ne fotte della mia stanchezza
      perché sa che non getterò mai la spugna.

      Sono stanca
      ma eccomi di nuovo qua,
      con la vita in un sacco
      a risalire di nuovo tutte quelle scale.

      Perché mi spetta qualcosa di bello alla fine

      anche solo per un secondo
      ma so che sarà bello.
      Jessica Piermatti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Jessica Piermatti
        C'è un mostro che graffia.
        Si nutre, beve e mi assaggia.
        Ha gli occhi grandi
        e pupille che riflettono l'infinito.
        Dita lunghe e unghie scheggiate
        che tranciano la notte.
        Quando dorme, io vivo bene:
        mi alzo alla mattina,
        faccio colazione con i mei sogni,
        burro di emozioni
        e marmellata di vento
        sopra fette biscottate fatte di nuvole.
        Vivo ogni giorno come se fosse l'ultimo,
        corro a perdifiato lungo la collina
        fino a che ogni respiro è fuoco
        e ogni battito di ciglia sabbia.
        Corro a perdifiato verso una meta
        che non conosco
        ma che vedo in lontananza.
        Torno alla mia casa
        di marzapane e stelle
        e mi riposo
        cercando di fare miei tutti i momenti del giorno.
        Intanto assaggio la notte.

        Poi si sveglia.

        Sento i denti allargarsi in un ringhio.
        Tutti denti uguali, tutti canini,
        le unghie lacerano a fondo
        mentre gli occhi si voltano a guardarmi.
        Lo stomaco si apre in un buco nero,
        le braccia faticano a muoversi
        e le dita cigolano.
        La testa si svuota
        mentre il nero nelle viscere
        inizia il suo gioco.
        Non posso fermarlo.
        Ci provo ma è troppo forte.
        Mi tengo la testa tra le mani
        e cerco di urlare.
        Sento i capelli muoversi al vento
        e capisco che ha preso il controllo.
        Jessica Piermatti
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di