Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Jean-Paul Malfatti

Freelance, nato lunedì 30 giugno 1986 a Como (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Jean-Paul Malfatti

Concetti del vivere

Il vivere è gioia che basta alla vita
per coloro che hanno la gioia di vivere.
Il vivere è una cosa buona e gradita
per tutti quelli che credono di essere.

Il vivere è tutto questo e ancor di più
per coloro che amano i colori della vita.
Il vivere è gioia anche quando si è giù
a causa del segno lasciato da una ferita.

Il vivere dà nutrimento e luce all'anima
soddisfacendo tutte le sue necessità.
Il vivere è la scrittura di una pagina
di un libro che può restare un'eternità.

Il vivere è il rispetto per la nostra vita
perché senz'essa saremo morti da un pezzo.
Il vivere è il percorso di una lunga gita
attraverso una vita piena e senza disprezzo.
Composta mercoledì 25 luglio 2007
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jean-Paul Malfatti

    Gocce d'amore

    Inondiamo il mondo con gocce d'amore;
    inondiamo il mondo d'idee di giustizia;
    inondiamo il mondo con desideri di pace,
    e vivremo tutti insieme felici e contenti.

    Inondiamo l'universo con gocce d'amore;
    inondiamo l'universo d'idee di giustizia;
    inondiamo l'universo con desideri di pace,
    e l'inferno darà luogo al paradiso sulla terra.

    Allora cominciamolo!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jean-Paul Malfatti

      Coincidenza o destino?

      Se né io né il mio lui fossimo
      entrambi due ragazzi gay,
      non avremmo mai incrociato
      in quel modo i nostri way.

      Ma così diversi e uguali...
      siamo stati sempre insieme,
      così come due naufraghi...
      che si vogliono tanto bene.

      Per coincidenza o per destino,
      ci siamo proprio incontrati...
      e come nei sogni di ragazzino,
      ci siamo subito fidanzati.

      E se un giorno ci sposeremo...
      non potrà mai esser in chiesa.
      Se Dio lo vuole... Lui, almeno,
      per il Papa sarà sì un'offesa.

      La testimone sarà la mamma,
      e gli invitati sarete voi...
      perché lei è madre e ci ama,
      e voi avrete tifato per noi!

      Allora come marito e marito,
      proveremo in noi la virtù...
      ed alla fine avremo capito
      ch'esser gay non è un tabù.
      Composta venerdì 27 luglio 2007
      Vota la poesia: Commenta