Poesie di Giuseppe Reali

Impiegato, nato giovedì 30 agosto 1984 a Brescia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Mente emozionale

Ho una tale confusione in testa.
Tumulto di un mondo che non ha argomento,
e con grande fervore osservo il sole,
sperando di vedere un mondo, che ritrovi valore.

Percepisco un sentiero che porta alla prosperità,
via incantata di un regno, dove vige l'intangibilità.

La mente vola,
la mente viaggia,
in estasi, ritrovo il sorriso.
Sono alla ricerca della felicità.
Giuseppe Reali
Composta sabato 5 aprile 2014
Vota la poesia: Commenta

    Ritornare a vincere

    Ci sono sconfitte che bruciano,
    sconfitte amare.

    Amare perché frutto di episodi,
    amare perché tutto, ti è girato storto,
    amare perché era una questione di tempismo e centimetri,
    amare perché eri superiore,
    amare perché dure da digerire.

    E bruciano talmente tanto, che ti rodono il fegato,
    bruciano tanto, che intaccano l'orgoglio,
    bruciano tanto da aprirti una ferita,
    rimarginabile solo con una vittoria.
    Giuseppe Reali
    Composta domenica 23 febbraio 2014
    Vota la poesia: Commenta

      Padroni del nostro destino

      Ci sono momenti in cui la fantasia gira a mille,
      momenti in cui non devi e non vuoi aggrapparti alla realtà,
      momenti in cui stacchi la spina dal Mondo reale
      rimanendo senza una connessione,
      un punto di riferimento,
      una costante....
      È così, che impari a volare.
      A volte creare un Mondo tutto nostro, non è niente male,
      siamo al riparo, al sicuro,
      intoccabili, impenetrabili,
      e tutta la merda,
      tutto il male, che piano, piano uccide le nostre speranze,
      "qui", non entra.
      Questo "rifugio" non ha un nome,
      alcuni lo vedono come il "Paese delle Meraviglie",
      altri come il "Paese dei Balocchi",
      altri ancora come il "Mondo di Amélie",
      a me piace definirlo "universo parallelo".
      Ma non conta come lo vedi,
      e nemmeno come lo chiami...
      Stiamo sognando,
      stiamo volando,
      "qua", siamo padroni del nostro destino.
      È questa, l'unica cosa che conta.
      Giuseppe Reali
      Composta domenica 23 marzo 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di