Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giuseppe Aloe'

Cosa resta

Cosa alberga nel contorno
dei tuoi occhi,
quando la terra
si risveglia leggiadra.

Cosa manca nell'aria
rarefatta,
quando il mio volto scavato
dal tempo,
si inarca davanti alla luce
della tua delicata mainconia.

Cosa resta,
davanti alla vita che corre,
se non il sapore
di un attimo fissato.

E poi,
cadono,
su petali di foglie calpestate,
autunni sentimenti
e pallidi silenzi.

Cosa resta,
di un amore vero,
quando rimangono
solo occhi per piangere
il ricordo della passione.

Cosa resta
dentro l'anima
qaundo il cielo ci attraversa.
Giuseppe Aloè
Composta sabato 3 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Aloe'

    Un bacio oltre le stelle

    Ho aspettato
    con il volto coperto dai pensieri
    la strada della perfezione.

    Mille luci in bianco e nero
    mi hanno ricordato
    l'infanzia felice.

    Bastava una carezza,
    una minestra calda,
    e carosello prima della notte in agguato.

    E la radio
    accesa nel deserto di una stanza in silenzio
    ti riempiva il cuore.

    Ancora riesco a sentire
    voci sparite nel cielo
    senza un indirizzo preciso,
    e sorrido nel vuoto.

    L'amore resta nel tempo,
    come orologi caricati
    con lo sguardo di un bimbo felice,
    e aspetto con le mani rivolte a Dio
    un bacio oltre le stelle.
    Giuseppe Aloè
    Composta sabato 26 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Aloe'

      Sabbia del deserto

      Poveri piccoli granelli
      spostati dal vento
      e accarezzati dal nulla.

      Il rumore del silenzio
      si infrange sulla piccola massa
      di un piccolo granello sfiancato
      dal lungo percorso.

      Solo la formica,
      ne resta colpita.

      Ebbene, popolo dell'universo,
      piccoli siamo nel mondo,
      come granelli sfiancati,
      dall'incertezza.

      Restate fermi a pensare.

      Un granello che pensa,
      è luce nel deserto.
      Giuseppe Aloè
      Composta sabato 25 dicembre 2010
      Vota la poesia: Commenta