Scritta da: Giulio Micheletti
C'è l'uomo che ha tutto
e c'è quello che ha poco o niente.
L'uomo appagato crede di essere
una grande persona
dietro al suo mantello da benestante,
anzi cerca di trarre profitto dall'ultimo gradino
che ha salito,
e ironicamente beccheggia, saccheggia
chi con umiltà non ha esposto niente.
Ma tu niente mi hai insegnato,
anzi una cosa ho imparato,
starti lontano per non essere appestato.
Tu invece, uomo semplice,
hai capito il nesso della vita,
gioisci per quello che non hai.
Sei contento quando la sera
ti trovi accanto
con un piatto di spaghetti ancora caldi,
tutti gli sguardi dei tuoi tesori
che ti stimano non per quello che gli hai dato,
ma per la passione e l'amore dimostrato,
perciò che non gli hai potuto dare.
Giulio Micheletti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giulio Micheletti
    Non credo più a quello che er poeta ha detto,
    tutti sti gran scrittori dè pensieri non rimano più
    pè raccontà la storia della vita.
    Se infurbiscono co li paroloni
    de nà ghirlanda dè emozioni,
    non guarniscono più le canzoni
    non entrano più nel canto dell'usignolo
    pè fischià un motivo dè ribbellione.
    Saranno puro letterati
    ma della vita e della gente
    nun né sanno gnente,
    è l'esperienza che je manca a sti pennini
    per marrà le situazioni.
    L'inchiostro che ora useno sé sbiadito
    e de un colore piatto er fojo a riempito.
    La poesia, nà vorta,
    era un vanto, non tanto pè l'autore
    ma per povero lettore
    che portava in gloria er canto
    e trovava er coraggio dè camminà da eroe.
    Giulio Micheletti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giulio Micheletti
      Pe na vorta me so detto,
      vjo far er diverso,
      me sento de apparì un gran signore
      e na limosinne cor lo schioffiere me vojo prenotà.
      Ho pensato, me vesto tutto stretto con un abito da elegantone
      e un cappello me metto
      e cor machinone vado pe Roma a far er signore.
      Vojo sembrà er Marlon Brando d'asituazione.
      Da via del corso me so detto, vojo arrivà ar colosseo
      co l'aria der trionfatore,
      vojo scenne a caracalla
      con addosso sta farfalla
      na farfalla messa ar collo
      intonata ar colore della tapezzeria.
      Prima de uscì me so guardatoe allo specchio rimirato
      e de getto me so detto
      "man do vai co sto vestito da farsone?
      Er pascià nun te se addice,
      invece de sprecà sta giornata
      a far er deficente
      ar luna park devi annà,
      e con tu fjo dondolà.
      Giulio Micheletti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giulio Micheletti

        La responsabilità

        Nun ce pensà,
        nu te sta a penà.
        Quello dice che er monno è fatto a strisce,
        quell'artro invece è fatto a scale.
        Poi se mormora che sta tera gira n'torno n'asse.
        Ma se penne a destra o sinistra
        l'umanità tutta se ne infischia.
        Che je frega se la luna t'arza na marea
        e se l'onna anomala annacqua na città intera.
        Nun penà se l'atmosfera de smog
        se riempita.
        Che te frega se ce sta a callata,
        tanto a casa l'aria ce l'hai condizionata.
        Che te frega se oggi er sole
        te manna i raggi infetti,
        n'tanto tu te proteggi co l'occhiali, quelli neri.
        Nun ce pensà se er terremoto nun t'avvertito
        e tutto er paese se inghiottito.
        Nun te preoccupà che tu omo
        de sto monno strano sei solo,
        in un corpo estraneo,
        intanto Dio che te c'ha messo
        per popollarlo
        nun t'ha chiesto de preservarlo.
        Giulio Micheletti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giulio Micheletti

          Quanno non capivamo

          Me ricordo quanno da Roma er mare era lontano,
          da mamma mia se prenneva er filobus
          poi da termini a sotteranea,
          che dritta dritta al litorale te portava.
          La fila se faceva pe affittà na cabina,
          arredata cor tavolo, quattro sedie
          e puro lo specchio.
          Pe capì, ar mare ce se annava
          a passà tutta na giornata.
          A ritorno, era na pasqua su la metropolitana,
          con tutta a gente intorno,
          se sentiva n'odore de prima
          che sapeva de arghe e pelle arrossata.
          Tante vorte se trovava puro na signora gentle che t'offriva na pagnottella che ar mare er fjo nun s'era magnato.
          Mo che er mare sta più vicino
          c'annamo co li mezzi propri,
          partimo e subbito se incodamo
          sulla via dell'annata.
          A ritorno invece tutti zitti stamo fermi,
          per ore a n'incrocio intasato
          de vetture imbottite de persone
          che so ite ar sole a passà
          na gornata de piacere,
          ma non era mejo prima che,
          volenno, sur trenino te facevi na pomiciatina?
          Giulio Micheletti
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di