Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuliana Zarantonello

Supervisore Forever, nato a Valdagno
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giuliana Z.

Folle poesia

Mi vien da pensare che la follia
sia il fondamento della poesia
ti può prendere di sopravvento
e tu scrivi senza argomento
la mano impugna una penna nera
e non ti accorgi che è già sera
lemmi scorrono su un foglio bianco
fino a che l'intelletto è stanco.
Potrei scrivere di una carezza
che mi ha sfiorato con leggerezza
o di quel bacio in ascensore
subito frettolosamente senza pudore
che son rimasta senza fiato
quando quelle labbra mi han sfiorato
boccata d'ossigeno per il cuore
che aspirava ad un po d'amore.
E mentre scrivo l'anima si nutre
di fantasie rimaste insolute
è come abitare dentro ad un sogno
dove nascondi il tuo bisogno
mentre l'illusione percorre la mente
il desiderio si fa impaziente
di turbamenti che superano la ragione
che plasmano rime come in una canzone.
Scrivo e riscrivo su questo foglio
senza esitazione ciò che voglio
con coerenza con molta clemenza
scrivo di me e della mia essenza
di ciò che sono o che vorrei diventare
di tante parole mi faccio autore.
Apro la porta ad un po' di fantasia
attraversata dall'anima mia
e non m'importa dello sgomento
mentre leggi in questo momento
posso immaginare il tuo pensiero
ma credimi non è veritiero
e del tuo giudizio sai non m'importa
poiché dalle mie parole mi sento accolta
sono emozioni di un racconto
come il silenzio davanti ad un tramonto.
Composta martedì 30 settembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuliana Z.

    La magia della montagna spaccata

    In una serata magica,
    sotto un cielo stellato,
    dove i nostri tristi pensieri
    abbiamo abbandonato,
    per una sera, da Anguane
    ci siamo immedesimate,
    sorridenti e belle un po' regnanti
    ammalianti, splendide e lucenti
    noi spiriti fatati ladre di pensieri
    realtà degli uomini di ieri.
    Noi che lavavamo i bianchi panni
    in ginocchio con la testa china
    e li stendevamo al chiaro di luna
    con una maestosa danza
    e il nostro canto di speranza.
    Dentro quella montagna
    la magia nell'acqua ancor ristagna
    ognuna di noi con i sui pensieri,
    io sognatrice e voi sognanti,
    con le persone amate
    nel cuore lì presenti.
    Ecco siamo donne di oggi
    con un tuffo nel passato
    in una leggenda che par vera
    noi che, entrando in quelle rocce
    quel canto udiamo ancora.
    Composta venerdì 14 agosto 2015
    Vota la poesia: Commenta