Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giovanna Veres

Nato lunedì 25 agosto 1975
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giovanna

Perché?

Perché in questo mondo, che è pieno di dolore,
io sono nata solo per soffrire?
Perché nella mia vita non c'è più l'amore
è tutto sta crollando è mi sembra di morire?
Perché il destino è cosi crudele è duro
è non mi ascolta mai quando ne ho bisogno?
Perché il mio cuore non è caldo è puro
è sto tranquilla è buona solo nel mio sogno?
Perché non son'serena quando c'è il sole fuori
è sto nel mio buio come lo sempre fatto?
Perché mi sto dicendo: "è ora che tu muori!"
Io so che di dolore tanto ne ho dato.
Mi faccio di continuo domande senza senso:
perché son'infelice è piena di rimpianti?
Non trovo alcun'risposta anche se ci penso
è tutto intorno trema per colpa dei miei pianti.
Composta martedì 25 agosto 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giovanna

    Il gioco dell'amore

    Un giorno alla mia porta
    l'amore mi bussò,
    Mi chiese di entrare
    ed io lo lasciò.
    Era gentile è bello,
    cortese è geniale,
    La sedia lui mi chiese,
    voleva solo parlare.
    I suoi occhi grandi,
    la bocca profumata
    Ed ho capito presto,
    Che mi ero innamorata.
    Lui mi parlava piano
    guardandomi negli occhi,
    "sei tu la mia scelta,
    io voglio che tu giochi.
    E tutto solo un gioco
    semplice è chiaro,
    Non puoì giocare ovunque
    perché è un gioco raro."
    Cosi io son cascata,
    Veloce ho imparato
    le regole del gioco...
    Però lui ha barato.
    E poì ho accettato,
    senza pensare troppo,
    che se finisce il gioco
    c'è sempre anche un "dopo".
    Composta martedì 13 ottobre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giovanna

      Amore triste

      Vorrei salvare me stessa
      da questo mondo brutto,
      Dalla paura che ho dentro
      Dall'incertezze che ho avuto.
      Lo so che tutto passa:
      bellezza, amore, vita.
      Vorrei che resti almeno
      la mia anima pulita.
      Son'piena di rimorsi
      Sto vivendo di rimpianti,
      i dispiaceri che mi hai dato
      mi son'rimasti in tanti.
      Ma dimmi come faccio,
      Come potrei salvare,
      me stessa da questo mondo,
      Se non riesco più ad amare?
      Non mi è rimasto niente
      Il mio sorriso è morto,
      Il mio cuore è fermo...
      "Se vuoi, io te lo porto..."
      c'è niente da salvare,
      l'amore mi ha sfinita,
      Ha preso il mio mondo
      è tutta la mia vita.
      Composta mercoledì 4 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giovanna

        Ricordi

        In una giornata buia,
        Con la pioggia che cadeva,
        La mia nonna mi diceva:
        che la Morte è una strega,
        Nera e cattiva forte
        e che non le puoi sfuggire
        Anche se blocchi le porte.

        Lei ti trova dappertutto,
        In qualunque posto vai
        e qualunque cosa fai
        "Non esiste un nascondiglio",
        mi diceva la mia nonna,
        "Lei è strana e molto brutta...
        non è una strega buona."

        Queste ultime parole
        Raccontate dalla nonna,
        Una vecchia e saggia donna...
        Mi son rimaste nell'inconscio
        è stanno lì da tanti anni.
        Ogni tanto vengon fuori
        Provocandomi dei danni.
        Composta sabato 18 aprile 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giovanna

          Pensieri

          Dentro di me io sento
          Una grande confusione
          Non so se abbandonarmi,
          a quella dolce passione.

          La mia testa è fredda
          e non perdona niente,
          ma il cuore è caldo
          e comprende ciò che sente.

          Le sue parole belle
          Mi hanno incantata,
          Mi fan sentire ancora
          La donna più amata.

          Lo so che tu sei bravo
          e stai giocando bene...
          Mi fai sentire il sangue
          che scorre nelle vene.

          Dovrei fermare il tempo
          Senza guardare indietro,
          Per non veder la vita
          Spezzarsi come un vetro.

          Non voglio più sentire
          Neanche una parola,
          e preferisco stare
          Con me stessa: sola.
          Composta sabato 21 febbraio 2009
          Vota la poesia: Commenta