Poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Lo specchio d'acqua

Un ronzio fastidioso
fa girare la testa
da una parte all'altra.

Non è la mosca,
nemmeno la zanzara,
è un suono che porta dentro...

Corre, corre più che può,
si ferma solo quando trova
uno specchio d'acqua.

È suo il viso riflesso...

Affonda una mano,
bagna la fronte...

Ha finalmente ritrovato
sé stesso.
Giorgio De Luca
Composta mercoledì 2 marzo 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Una lacrima d'amore

    Si è posata sulla fronte
    come una gemma
    la tua lacrima...

    In cielo, Mamma,
    arriva il mio pianto?

    Non mi basta
    la carezza del vento,
    il bacio di una stella...

    Questi occhi non hanno
    più luce, sono spenti
    come i tuoi.

    Non voglio pietà,
    ciò che cerco
    è un altra cosa...

    Mamma, ricorda
    che stasera ti aspetto.
    Giorgio De Luca
    Composta martedì 1 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Ricordi e Pensieri

      Il cielo diventa scuro all'improvviso.

      Un tuono squarcia il silenzio,
      la paura mozza il respiro.

      Ricordi e pensieri si intrecciano,
      si rincorrono...

      Con la freccia vorrebbe tirare
      una pietra in cielo,
      spaccare la nuvola nera.

      Sogna una barca che lo porta lontano...
      ... fino a quando si placa il vento.
      Giorgio De Luca
      Composta giovedì 19 ottobre 2000
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Pecché propie a mmè

        Quande sòne la campàne
        m'arvè 'mmènte Ddìje
        e m'addummànne pecché
        à capetàte propie a mmè.

        La respòste nn'arrìve e allòre
        ahàveze lu sguàrde 'n giele
        e prèhe ch'arrìve prèste l'ore.


        Perché proprio a me

        Quando suona la campana
        mi torna in mente Dio
        e mi chiedo perché
        è capitato proprio a me.

        La risposta non arriva e allora
        alzo lo sguardo al cielo e prego
        che arrivi presto l'ora.
        Giorgio De Luca
        Composta giovedì 7 dicembre 2000
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di