Poesie di Giorgio De Luca

Nato giovedì 27 luglio 1950 a Chieti (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giorgio De Luca

Una voce s'eleva

Una voce s'eleva.

Dolore è il nome,
Speranza il cognome.

Madre Natura,
travestita da boia,
colpisce nel sonno,
sbriciola case.

Gli angeli,
il viso tra le mani,
mostrano le ali ferite.

Un cane scava
tra le rovine,
cerca il suo padrone.

Trovano rifugio
tra le braccia
del silenzio
i sopravvissuti.

Sgomenti guardano
l'orologio del campanile
fermo alle 3,36.

La sera s'avvicina,
non ci sono stelle,
non c'è la luna.

Una gelida carezza
di vento solleva
piccoli granelli
di polvere.

Una voce s'eleva.
Giorgio De Luca
Composta mercoledì 24 agosto 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Il bambino che amava prendersi gioco della miseria

    Come ogni sera, rivive pagine di vita.

    Il nastro gira...

    Riconosce il bambino che camminava
    scalzo sulla neve e sognava di volare
    a due passi dal cielo nei giorni di sole.

    Lo rivede quando, stanco, sedeva sotto
    il portico chiedendo l'elemosina vestito
    di sorrisi.

    Vorrebbe svegliarsi...

    Fa ancora in tempo a vedere il rosario
    sul petto di un vecchietto che, bambino,
    amava prendersi gioco della miseria.
    Giorgio De Luca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Il senso dell'amore

      Luminosi occhi s'accendono
      nell'ora gioiosa.

      Germoglia nei coltivati campi
      di primule bianche e gigli profumati
      il senso dell'amore.

      Dolce musica è primavera.

      Il fiorire delle parole nelle pagine
      di un libro senza titolo.

      L'eco d'una voce apre ai ricordi...

      ne ascolto il canto.
      Giorgio De Luca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giorgio De Luca

        Com'era bella dipinta di maggio

        Ascolta degli uccelli il canto
        quando primavera di edere e fiori
        adorna i colli.

        Nell'ombrosa selva ne sentii la voce
        tra erbe fresche.

        Tra ondeggianti spighe l'aria le sfiora il viso
        e il sole, nei suoi baciati occhi,
        s'accende d'oro.

        Era dipinta di maggio sotto la luna.

        Scalza la vidi sui pianori erbosi,
        per mano la presi,
        a me la strinsi dolcemente.
        Giorgio De Luca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giorgio De Luca

          Il senso vero della vita

          Ho spalancato le tende del palcoscenico
          per ascoltare la voce del risveglio,
          la dolcezza dei suoni.

          Nell'immenso giardino dei melograni
          ho assaporato le delizie della primavera.

          Ho deposto l'anima nel cortile dell'indifferenza,
          sepolto il dubbio,
          aperto finestre alla consapevolezza.

          Ho imparato a non scrivere la parola "fine"
          sul libro che mi hai regalato,
          a non staccare la spina che alimenta l'amore
          per la vita.

          Ad accendere i riflettori e recitare le ultime pagine
          di questo meraviglioso romanzo,
          col senso vero della Vita!
          Giorgio De Luca
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di