Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giacomo Moglia

Autodidatta, nato domenica 9 novembre 1958 a Brescia
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Giacomo Moglia

Se c'è.

Supero la barriera
che improvvisamente
poi rallenta il mio corpo
stritolato ma indenne
quasi ancora vivo
vedo l'eternità
e perciò
capisco il difetto
di cosa accadrà domani
e sospiro all'idea
che il ripetersi ancora
dei giorni mancanti
mi conducano poi
a colui che è sconosciuto
ma che non vuole il mio corpo
ma solo il sapore dell'anima
pura e dolce di me.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giacomo Moglia

    Non dimentico te...

    Quasi ancora sento
    il tuo profumo
    che di scatto
    incombe la nostalgia di te
    che agguanti il mio cuore caldo
    che freme per amore
    ma consapevole del non durare.
    e piange ancora
    tradito e ancora tradito
    trema di passione
    che non dimentica
    il venir meno della gioia
    che breve si era insinuata
    e avvolta da quel guanto
    che diventato morbido
    raffredda il mio cuore e muore.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giacomo Moglia

      Il buco della suola

      Girato l'angolo ed è subito vuoto
      che il caldo asfalto fa tremare l'aria
      e piango
      sono solo piccolo
      dalle calzette corte
      braghette anche
      e se guardo bene
      anzi se sento quell'asfalto dentro me
      il buco della suola
      mi consuma di vergogna.
      Mi rituffo ancora
      solo
      nell'oblio di quel ricordo
      e piango
      ancora solo sono
      ma quel buco non c'è più
      nella mia scarpa
      ma rimane solo un buco
      nella mia anima.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giacomo Moglia

        Carattere e lealtà

        Il pessimo carattere sbriciola
        il pensiero
        che tarda a venire
        di chi si sente debole
        e
        affonda il colpo quando
        supino altera il contrasto
        incline decisione di come
        il furore intaglia
        la voglia di spezzare
        il ritmo
        di quel nemico
        che ardito svetta
        perché forte
        pessimo incalza
        quel molle personaggio
        solo buono
        a criticare
        senza conoscenza e dunque
        pronto
        a fare male
        alla coscienza
        sol perché non trae vantaggio
        di quel buonismo
        che paga spesso
        in arroganza
        e si ritrae in conoscenza
        di quel carattere che
        di pessimo ha la lealtà
        venga perciò
        eletto giudice
        del mondo intero
        sebbene tale mondo
        non è
        sincero.
        Vota la poesia: Commenta