Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerlando Cacciatore

Il fuggiasco

Dopo natale,
si sprigionò, in quell'essere,
un'allegria commovente.
Io mi sgancio, dal buio
di questo paese.
Vado via.
Sia quel che sia.
Ciao fratello, arrivederci,
ciao papà;
spero al più presto,
di venirti a trovar.
Il biglietto!?
Il biglietto è nel cassetto.
Nel cassetto quello tuo,
c'è la mia libertà.
Vai! Parti! Vai!
Giuro a Dio,
che ti raggiungerò.
Quattro ruote,
e la speranza, di raggiungere
la tua libertà.
Composta giovedì 6 ottobre 1977
Vota la poesia: Commenta