Scritta da: Gerlando Cacciatore

Il fuggiasco

Dopo natale,
si sprigionò, in quell'essere,
un'allegria commovente.
Io mi sgancio, dal buio
di questo paese.
Vado via.
Sia quel che sia.
Ciao fratello, arrivederci,
ciao papà;
spero al più presto,
di venirti a trovar.
Il biglietto!?
Il biglietto è nel cassetto.
Nel cassetto quello tuo,
c'è la mia libertà.
Vai! Parti! Vai!
Giuro a Dio,
che ti raggiungerò.
Quattro ruote,
e la speranza, di raggiungere
la tua libertà.
Gerlando Cacciatore
Composta giovedì 6 ottobre 1977
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    Oblio

    Ho lavorato tanto.
    In fondo cosa ho avuto,
    un pezzo di terra
    al campo santo.
    Ho lottato tanto per la vita;
    ho lottato tanto contro la malvagità;
    per aver che cosa,
    un metro quadrato di terra,
    per riposarmi dopo questa fatica.
    Non ho rancore.
    Non ho rimpianti.
    Ho soltanto bisogno
    di dimenticare.
    Gerlando Cacciatore
    Composta venerdì 15 ottobre 1976
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di