Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerlando Cacciatore

Sognatore

Io qui casa natia,
avvolto dai panni tuoi,
come una mamma che
protegge il suo pargoletto,
da una bestia astratta,
che tende di trafiggere,
con sanguinosa arma,
il sopravvissuto.
Io uomo o ragazzo.
Ingenuo, difeso da te natia casa;
Piccola,
desiderata, sconsolata,
come un pargoletto uomo
angustia la madre.
Tu uomo;
tue mani infiltrano,
quel calore di vita.
Io sognatore industriale,
guardo con sgomento questi versi,
che rendono me un uomo...
Sognatore!
Rammenti le parole di un amico?
Composta giovedì 30 novembre 1972
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    L'Italia

    La vita.
    Cos'è la vita?
    Si potrebbe raccontare
    in brevi secondi,
    oppure, non si potrebbe
    raccontare affatto.
    Ma una cosa è certa.
    In questo sporco mondo,
    si deve soffrire.
    La vita si deve saper prendere,
    per non soffrire,
    dicono i borghesi.
    Cosa ne sanno loro!
    Sono nati, in un letto di piume;
    mentre noi siamo nati,
    in un letto di angustie.
    La vita, si è data a loro.
    Mentre noi,
    dobbiamo conquistarla,
    come si conquista una donna
    bella e perversa.
    Errano i borghesi!
    La vita, non si deve saper prendere,
    ma è la vita che deve prendere noi.
    Ma queste parole,
    possono sembrare eresie,
    ai borghesi.
    Perché loro, sono nati,
    in un letto di piume.
    Perché loro, sono nati,
    con il sole che gli sorride.
    Mentre noi, siamo nati,
    in un letto di angustie.
    Senza il sole che ci sorride.
    I figli dei nostri figli,
    confermeranno queste parole.
    Composta domenica 30 novembre 1975
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerlando Cacciatore

      Letargo-autodistruzione

      Cantano i galli a squarciagola,
      nell'insolita ora della notte.
      Sogna la gente, non sente.
      Sento i galli cantare,
      senti i nervi spezzarsi.
      Amavo i galli.
      Odio i galli.
      Amavo l'Italia.
      Odio l'Italia.
      Galli corrotti,
      dal loro canto soave;
      Governo corrotto,
      dalla propria malvagità.
      Non sente la gente.
      Sono in letargo.
      Povera Italia;
      ti stai autodistruggendo.
      Non potrò far altro,
      che compiangerti.
      Composta giovedì 22 agosto 1974
      Vota la poesia: Commenta