Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Gerlando Cacciatore

Sicilia

Sicilia
Tu si la terrra di lu suli;
Tu si la terra di lu mari.
Si frisca comu na rosa,
tu si na terra, na terra gioiosa.
Mi ricordu li mennuli in sciuri,
eri bianca comu la nivi;
lu sulu ca ti baciava,
eri la terra di chi ti amava.
Tu si la terra di la lava.
Tu si la terra di lu focu.
Tu si la terra di lu suli.
Tu si la terra di lu me cori.
Tu si la terra di l'aranci.
Tu si la terra di li limona.
Quannu scurisci diventi di milli culura.
Tu si la terra di chi t'adora.
E pi finiri, ti mannu un salutu di luntanu,
pi dirti quantu t'amu.
Tu si la terra di lu Sicilianu.
Composta domenica 19 novembre 1978
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Gerlando Cacciatore

    L'irritante

    Se la moto, non si fosse
    schiantata a terra.
    Se avesse continuato
    la sua corsa,
    tu uomo
    non saresti, un demente irritante.
    Sottrarti al tuo destino
    non puoi.
    La moto a terra,
    la vita salva.
    Ma è come se fossi morto,
    dal momento, che il destino
    ti ha sconvolto.
    Tu uomo,
    mi chiederai:
    Quale sarà il mio destino,
    d'ora in avanti?
    Io ti risponderò:
    Quello di irritare la gente.
    Composta giovedì 10 novembre 1977
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Gerlando Cacciatore

      Lu Mafiusu

      Si cunta in giru,
      ca la me malatia,
      è na malatia d'eredità.
      Ca è chiddu, di ammazzari
      la genti, senza chiediri l'identità.
      Ma chi ci pozzu fari,
      si di li nervi mi sentu pigliari,
      e sulu vidennu sangu,
      mi sentu calmari.
      Ma poi c'è chiddu,
      ca si senti furbu,
      e va dicennu in giru,
      cosi ca unnavissi a diri.
      E iu allura cavissi affari!
      Di tutti mi sentu taliari!
      e di li nervi mi sentu pigliari!
      Sapiti chi vi dicu!
      Iu lu vaiu a mazzari.
      Si è veru,
      ca i portu cu mia,
      na cosa ca unnavissi a purtari.
      Pirchi è proibita di la polizia.
      Ma iu sugnu sicuru,
      ca vanzi nun parlati.
      Pirchi allura finisci,
      lu vantu ca vi purtati.
      E sta Sicilia bedda,
      pi sempri ruvinati.
      Composta mercoledì 11 aprile 1979
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gerlando Cacciatore

        La Ninfomane

        Eri lì,
        in quell'orrendo carro;
        portava in Via Gallo.
        Eri lì,
        con la tua apatia,
        abbacando e obliando
        di essere
        una bulimia ninfomane.
        Eri lì,
        becera, megera, puttana.
        Eri lì,
        antropoide,
        attenuando la tua mania
        nel succhiare gli uomini,
        con la tua sudiceria.
        Sei lì,
        in Via Gallo,
        il tuo corpo bianco-giallo
        miasma di sperma.
        Gli uomini con orrore,
        scappano
        fiutando il tuo fetore.
        Composta domenica 21 maggio 1972
        Vota la poesia: Commenta