Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rolla Gabriele

Amore & Vita

Riflette
Il mio cuore
La luce dei tuoi occhi
mio amore

Risuona il mio battito
Col ticchettio
Che del sentimento è risonanza
E si eleva all'unisono
Con te

Dolci pensieri
S'impadroniscono del mio animo
Lo rallegrano
Lo portano fina all'estasi

Vivo
E la gioia
Disseta
Il centro di me

Amo
E quel dolce sentimento
Satura
La mia essenza

Finalmente
Senza timore
Spalanco gli occhi
La porta del mio cuore
E il tutto si mostra meglio d'una favola
Frutto dell'amore

Io
Il cuore,
amo,
e semplicemente
vivo,
totalmente!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rolla Gabriele

    La vita

    La vita,
    un impetuoso fiume,
    scorre senza sosta,
    tutto sovrasta,
    tutto travolge,
    può far soffrire nei momenti di difficoltà,
    lo puoi deviare,
    ma mai lo potrai fermare,
    se non quando sfocerà nel mare,
    il capolinea,
    prima di ritornar a scorrere
    verso l'ignoto!

    Un impetuoso fiume,
    che sempre evolve,
    che mai si ferma,
    accarezza le pietre,
    superandole dolcemente,
    non bastano gli ostacoli
    per smorzare il suo corso,
    un tetragono inafferrabile,
    dona la vita a chi di lui si nutre,
    dona la vita a chi in lui vive,
    unica fonte per l'esistenza dei mari,
    unica ragione di vita di ogni essere.

    La vita,
    un interminabile fiume,
    sempre uguale,
    ma diverso,
    dipende dagli occhi e dal cuore,
    di chi seduto lo osserva,
    o di chi,
    sulla barca lo vive!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rolla Gabriele

      Esser del tutto

      Silenzioso,
      nella notte
      si quieta il mio animo
      rallenta il ticchettio del mio cuor
      fino a divenir flebile rintocco
      d'una sorda campana
      fuor di me.

      Confondo
      i confini
      del mio esser materia
      col buio
      che è d'ogni cosa il suo vestito.

      Dolcemente
      mi dissolvo
      divenendo
      sostanza di quel tutto
      che è parte di me

      Esisto
      soltanto
      senza essere.

      E impetuoso
      zampilla
      amore
      Legittimator
      di tutto l'universo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rolla Gabriele

        Rosso carico d'Amore

        Rosso il cielo,
        carico di neve,
        vapor che si fa
        sostanza, prima
        e materia, poi.

        Rosso il cuor,
        carico d'amore,
        sentimento che si fa
        materia, prima
        e sostanza, poi.

        E per l'amor come la neve
        se l'incontro di correnti
        che in terra son le anime
        in questo cielo immenso della vita,
        genera reazione
        nulla potrà mai
        contro l'inarrestabile poter
        della sua azione.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Rolla Gabriele

          Amore come pittore

          Molti i momenti
          In cui guardandoci attorno
          Non scorgiam altro che muri.

          Barriere
          Che congiungon
          La terra
          inferno
          Col cielo
          paradiso

          Perché
          Lassù è vita eterna
          E quaggiù
          Meschino connubio
          Di rinunce e peccato

          Perché lassù
          Veramente saremo,
          e quaggiù
          per sempre annasperemo
          in un mare di dolore
          o in una valle
          di lacrime bagnata

          Questa è la vita
          Da sempre tramandata
          Ma forse mai sperimentata

          Non limitar ciò che sei
          Non dar spazio al tuo ingegno
          Sfrutta il cuore
          Che si il tuo motore

          Si la punta
          D'una freccia
          Ormai scoccata
          Ma Che dal vento
          È cullata
          E ricorda
          Che In te c'è lo scrigno
          Del più vero sentimento

          È la vela,
          che se rigonfia
          della pura essenza
          può giudar la tua esistenza
          oltre le onde
          d'un mar in tempesta,
          verso le acque calme
          d'un lago
          dall'acqua dolce
          come il miele,
          il saport vero
          della vita

          Non creder a chi
          Di dolor vuol parlare
          Non ascoltar le parole
          Di chi è nel mezzo d'un ciclone

          Donagli le tue,
          per cercar di rischiarar il cielo
          e far tornare il sole
          luce sulla via di chi
          ancora fatica
          a spalancar i suoi occhi

          Si quell'alito di vento
          Caldo
          Che in una fredda giornata d'inverno
          Da sollievo al viso rattrappito
          Cosicché rilassandosi
          Spunti un sorriso
          Che inevitabilmente
          Il primo diverrà
          D'una lunga
          E si spera
          Infinita
          Serie
          Ragion di felicità
          Causa di gioia
          Cristallo che scalfisce
          La pietra
          Che veste molti cuori,
          Al contatto sarà scintilla,
          al cui seguito sarà vampata
          d'una fiamma viva
          che accenderà
          l'animo di chi
          dentro se
          ancora serba
          ciò che trasforma
          una tela sbiadita
          in un opera di beltà infinita
          l'amore...
          Vota la poesia: Commenta