Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rolla Gabriele

Il Nulla che è la Vita

La vita è un soffio
un istantaneo battito d'ali.
Ad occhi aperti
l'oblio pare inarrivabile,
ma d'un tratto accade
che il ricordo è l'unica memoria.

Gli anni d'una vita
sono attimi sull'orologio
infinito del tempo,
sono un sapore
appena accennato,
un pensiero
in procinto di nascere,
una parola,
un vagito,
un bacio mancato.

La vita è fragile
come un cristallo
nelle mani d'un bimbo,
è delicata
come un bisonte
difronte al suo carnefice,
o come un fiore
strappato dal vento.

La vita è musica e melodia
che nasce nel silenzio
d'una pausa muta.

La vita è la schiuma
di un'onda che si frange sulla spiaggia
e si tuffa nel mare.
Un'increspatura fugace
d'un oceano impetuoso.

La vita è come la parola,
il suo significato
è l'elaborazione del ricordo
e pensiero rivolto al futuro.
In quell'istante in cui s'incontra
ciò che era e ciò che sarà
nasce l'ora e sboccia la vita.

Una sospensione interminabile
un nulla
che impregna lo scorrere del tempo.

La vita,
un vuoto,
un punto d'incontro
un graffio d'artiglio sottile
all'eterno ed infinito esistere.

Nel nulla, la magia della vita,
un vuoto da riempire.
Composta giovedì 2 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rolla Gabriele

    Buona notte, Federica!

    Oggi l'augurio arriva presto
    Perché domani dovrò esser presto desto!

    È però un augurio pieno d'energia
    Affinché della notte non si perda la magia
    E dai tuoi occhi non svanisca fantasia
    Pensatrice dei desideri del tuo cuore
    Pennelo nel domani per dargli più colore
    Per esporli al sole, alla sua luce
    E il tutto per te sarà assai vivido e vivace!

    Ma ora... Quando t'addormenterai
    E ad occhi chiusi nel profondo volerai
    Non scordarti il favoloso tuo sorriso
    Perché le ali la ti porteranno con un battito
    Dove attendono solo chi sul viso
    Porta dell'animo il risvolto.

    Buona notte.
    Composta mercoledì 11 gennaio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Rolla Gabriele

      Stella di Natale

      Che la stella nei tuoi occhi deposta
      Da chi dell'universo fu l'artista
      Possa splendere alta e luminosa
      Li nel mezzo del tuo viso
      Come astro tu sei radiosa
      Persona che semini gioia col sorriso.
      Divieni parte dell'umano firmamento
      Dai tuoi simili composto
      Da cui nessuno va sottratto
      E nemmeno sopraffatto!
      Jack degli USA
      E Ajene dall'AFRICA è sua sposa,
      Vi è poi Lisa di GERMANIA
      Insieme a Fabio vola e vive là nel GAMBIA
      Vi è Nadar che prega in INDIA
      E Bandele che combatte in NIGERIA
      E ancora mille i fratelli
      Che nel mondo in ogni giorno
      Vivono, lottano, amano, muoiono e nascono tutti belli.
      Tutto questo se ogni uomo
      Per Natale, e in ogni giorno
      Guidato dalla voce del suo cuore
      Sa esser amico del futuro e del suo bene
      Costruito da tanti corpi laboriosi
      In un cantiere garantito
      Di molti doni generosi
      Di chi, per la vita era partito
      Ed oggi saggio è ritornato
      Della semplicità
      Che nell'animo si chiama fraternità.
      Il Natale è simbolo rinascita
      Con la terra che dal torpore si riprende
      Alla primavera punta dritta
      Per donar quel che la vita da lei s'attende
      E così auguro ad ogni donna
      uomo, bimbo o vagabondo
      Di percorrer tutto il mondo che è rotondo
      Da Tokyo sino ad Onna
      Per scoprire che la vita
      In ogni luogo per amore
      Può essere meraviglia sconfinata
      Se spostiamo il centro dalla mente giù nel cuore!
      Composta sabato 24 dicembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Rolla Gabriele

        Vivi, Ama, Esisti!

        A gran mani
        prendi la vita
        nemmeno una briciola
        no, non sprecarla!

        Vivificalo
        celere
        col soffio dei tuoi polmoni
        con un battito del tuo cuore

        Canta innni di gioia
        riempi il silenzio
        di fragorose risate
        sincere

        Nel piacere
        e nel dolore
        bandisci la resa
        non abbatterti
        nulla finisce
        infinita è la vita
        qui o altrove
        conducila con te
        nel cuore custodiscila
        nell'animo rimani vivo
        ai colpi di mano
        d'un ineffabile destino
        resisti
        tenace
        al passato
        infimo e deprimente
        persisti
        qui e ora.

        Vivi la vita
        scopri l'amore
        scrivi il tuo verso
        ama
        canta
        corri
        respira
        esisti!
        Composta martedì 2 agosto 2011
        Vota la poesia: Commenta