Scritta da: FRANCO PATONICO

Il mio paese

'l paes' mia

Machi so nat'
e quest' è 'l post più bell';
machì so armast
e m' sa che n' vagh invell'.
Machì ho cuntat'
ogni sass' e ogni madon'
e ho scupert'
ogni via e ogni canton'.
Machì vo' in gir'
e incontr' ma la gent':
o è parent' o è 'n amic'
o 'n cunuscent'.
E s' v' l' ho da dì
'ndo' s' campa mej,
machì ho vissut'
i giorni mia più bej.


Il mio paese

Qui sono nato
e questo è il posto più bello;
qui sono rimasto
e mi sa che non vado in nessun posto.
Qui ho contato
ogni sasso e ogni mattone
e ho scoperto ogni via e ogni cantone.
Qui vado in giro
e incontro la gente:
o è parente o un amico
o un conoscente.
E se ve lo devo dire
dove si vive meglio,
qui ho vissuto
I giorni miei più belli.
Franco Patonico
Composta mercoledì 15 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCO PATONICO

    L'appuntament' (l'appuntamento)

    L' appuntament'

    'n appuntament' vol' di' puntualità
    e po' ess' 'n impegn' o 'na casualità,

    ma quant' volt' s' perd' st'appuntament'
    e c' s'arpara dietra 'n contrattemp'?

    "N'ho armess la svegghia e n' m' so'sv'gghiat!"
    o la colpa è d'n fatt' inasp'ttat.,

    Ma purtropp' c'è chi n' l' scorda miga
    e n' s' sparagna manc' la fatiga.

    P'r lia 'l temp' pol' ess' long' o cort',
    in do' parol', io parl' d' la mort'.

    T'avess' scritt' 'l nom' sul libr' ner',
    'n c'è chi è più pr'cis' o più sincer'.

    E n' vòl' cert' l' raccumandazion',
    s'è nuta l'ora, manc' 'na dilazion'.

    C' sarinn' do' modi a falla scumbinà,
    e s' c (e)' provi, poj anch' scantunà.

    'n mod' saria d' fatt' truvà già mort',
    ma è com' s (e) s'anticipass la sort.

    C'è 'n antr' mod', ma costa 'na furtuna:
    prend' al vol' 'n razz' p' la luna.

    Lassù 'n mes' dura 'na nott' e 'n giorn';
    Sa do' stiman', è 'n ann' ch' giri intorn'.

    Cusì la mort' p'r pià l'appuntament'
    n' c (i)'arcapezza e 'i pol passa d' ment'.

    TRADUZIONE:

    L'APPUNTAMENTO

    Un appuntamento vuol dire puntualità
    e può essere un impegno o una casualità,
    ma quante volte si perde questo appuntamento
    e ci si ripara dietro un contrattempo?
    "Non ho rimesso la sveglia e non mi sono svegliato!"
    O la colpa è di un fatto inaspettato.
    Ma purtroppo c'è chi non lo scorda mica
    e non si risparmia neanche la fatica.
    Per lei il tempo può essere lungo o corto,
    in due parole, io parlo della morte.
    T'avesse scritto il nome sul libro nero,
    non c'è chi è più preciso o più sincero.
    E non vuole certo le raccomandazioni,
    se è venuta l'ora, neanche una dilazione.
    Ci sarebbero due modi per farla scombinare,
    un modo sarebbe di farti trovare già morto,
    ma è come se si anticipasse la sorte.
    C'è un altro modo, ma costa una fortuna:
    prendere al volo un razzo per la luna.
    Lassù un mese dura una notte e un giorno;
    con due settimane, è un anno che giri intorno.
    Così la morte per prendere l'appuntamento
    non si raccapezza e le può passar di mente.
    Franco Patonico
    Composta mercoledì 11 maggio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCO PATONICO

      P'custruì l'amor'

      P' custrui' l'amor'

      L'up'rai manual'
      sa la cariola pina
      careggia puntual'
      la rena e la calcina.

      Po' vien' 'l murador'
      ch' custruisc' 'l mur'
      e lu' ch' fa 'l lavor'
      sa ch'è 'n m'stier' dur'.

      Ma più dur' è fa a l'amor'
      'ndò c (e) vol' 'l s'ntiment':
      è 'na quistion d' cor'
      ch' scumbina v'rament'.

      'l madon' è 'l desideri
      e 'l ciment' è la passion',
      ma se 'n s' fa sul seri
      nun regg (e) la custruzion'.

      Davera saria pegg'
      s (e) n' c (e) fuss' st' pilastr'
      ch' in ogni casa regg'
      e salva dal disastr'.

      Ma l'om' è sframason',
      'n po' tropp' mat'rial';
      la donna ha ragion
      a vulell' 'più gignal.

      C (e) duvria p'nsa' ben'
      chi corr' dietra 'na gonna;
      ch' s'arcurdass' almen'
      d'la festa d' la donna.
      Franco Patonico
      Composta giovedì 24 febbraio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCO PATONICO

        Ros(e)

        Ros (e)

        Sol' la purezza d' 'na rosa bianca
        t'argala 'l s (e)ntiment' c (e) manca.

        L' stess' effett' t' da 'na rosa rosa,
        ch'è d (e)licata e bella com' 'na sposa.

        Ma s (e) l'amor' ma te t' dà la scossa,
        allora c (e) vuria 'na rosa rossa,

        basta ch' n' sei g (e)los' com' cla farfalla
        ch' s'è pusata su 'na rosa gialla.

        Quant'arpensi ma l'amor ch'nun c (i)'hai più,
        vall' in cerca sa 'n bucciol'd' rosa blu,

        rosa nobil', v (e)lata d' tristezza
        ch' 'nt (e)n (e)risc (e) 'l cor sa la b (e)lezza.

        S (e) po' 'l'amor' t'ha lasciat' 'n dispiacer,
        'l culor ch' fa p'r te saria 'l ner'.

        Ma tra i culori, n' trovi propi quell',
        'na rosa nera, anco'n'è nata invell'.


        Solo la purezza di una rosa bianca
        ti regala il sentimento che ci manca.
        Lo stesso effetto ti dà una rosa rosa
        che è delicata e bella come una sposa.
        Ma se l'amore ti dà la scossa
        allora ci vorrebbe una rosa rossa,
        basta che non sei geloso come quella farfalla
        che si è posata su una rosa gialla.
        Quando ripensi all'amore che non hai più
        vallo in cerca con un bocciolo di rosa blu,
        rosa nobile, velata di tristezza,
        che intenerisce il cuore con la bellezza.
        Se poi l'amore ti ha lasciato un dispiacere,
        il colore che fa per te sarebbe il nero.
        Ma tra i colori non trovi proprio quello,
        una rosa nera ancora non si trova in nessun posto.
        Franco Patonico
        Composta lunedì 1 novembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di