Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Franco Paolucci

45 anni di attività edilizia, nato lunedì 8 ottobre 1928 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

L'Amore

L’amore è come il flusso del mare alla sabbia
viene e va senza ragione concreta
se non il cieco premere dei venti
che il vortice creato
da chi scagliò nel cielo i mondi
alimenta con antico vigore
di un impeto irresistibile, sovrumano
perché eterno, divino.
La sabbia non sa
da quali segreti abissi
le giunga quella fresca carezza,
né il mare conosce
da quali vette
elevate nei silenzi della luce
quella polvere arsa ad esso venga;
essi non sanno né possono sapere,
lunghi cammini
da tempi remoti tracciati
impongono il loro incontro,
ma lì, ove essi s’incontrano
anche se per un attimo
ed una volta sola
miracolosamente comparve la vita.
Composta martedì 30 giugno 1953
Vota la poesia: Commenta

    La giustizia

    La giustizia ha perduto il proprio aspetto.
    Non è più un divenire
    ha assunto mille volti e mille toni
    nel vociare assordante
    di mille sedicenti giustizieri.
    L'uomo ha perduto il gusto dell'incontro,
    l'ha ridotto in frantumi, in mille scontri
    dove le convenienze
    si traducono in trame e strategie,
    nel gioco delle parti
    siamo in milioni a fare i giocolieri
    a mentire ed uccidere.
    Ogni nostra menzogna è un assassinio
    un altro tarlo infame
    che polverizza l'ossa ai nostri morti
    un'altra pietra eretta e cementata
    sulla novella torre
    di babele.
    Composta domenica 30 novembre 1975
    Vota la poesia: Commenta

      Incontro a Cala Martinella

      IEcco incarnarsi d'incanto
      l'antico Mistero.

      Prorompe improvvisa
      attiva e vivace
      l'immagine attesa di Dio
      priva ancora di ali.

      Con passo incerto,
      le petit Abel
      delicato,
      curioso,
      avanza attratto dal mare.

      Si perde il suo sguardo profondo
      smarrito in quell'onda infinita
      e richiama al cuore
      l'innocenza del mondo
      ferita nella luce
      dalla nostra cecità.
      Composta venerdì 12 agosto 2005
      Vota la poesia: Commenta