Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Francesca Fontana

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono

Voi ch'ascoltate in rime sparse il suono
di quei sospiri ond'io nudriva 'l core
in sul mio primo giovenile errore
quand'era in parte altr'uom da quel ch'ì sono,

del vario stile in ch'io piango et ragiono
fra le vane speranze e 'l van dolore,
ove sia chi per prova intenda amore,
spero trovar pietà, nonché perdono.

Ma ben veggio or sì come al popol tutto
favola fui gran tempo, onde sovente
di me mesdesmo meco mi vergogno;

et del mio vaneggiar vergogna è 'l frutto,
e 'l pentersi, e 'l conoscer chiaramente
che quanto piace al mondo è breve sogno.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Francesca Fontana
    La vita fugge, et non s'arresta una hora,
    et la morte vien dietro a gran giornate,
    et le cose presenti et le passate
    mi dànno guerra, et le future anchora;

    e 'l rimembrare et l'aspettar m'accora,
    or quinci or quindi, sì che 'n veritate,
    se non ch'ì ò di me stesso pietate,
    ì sarei già di questi penser'fòra.

    Tornami avanti, s'alcun dolce mai
    ebbe 'l cor tristo; et poi da l'altra parte
    veggio al mio navigar turbati i vènti;

    veggio fortuna in porto, et stanco omai
    il mio nocchier, et rotte arbore et sarte,
    e i lumi bei che mirar soglio, spenti.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daduncolo

      Benedetto sia'l giorno e'l mese e l'anno

      Benedetto sia'l giorno e'l mese e l'anno
      e la stagione e'l tempo e l'ora e'l punto
      e'l bel paese e'l loco ov'io fui giunto
      da'duo begli occhi che legato m'ànno;

      E benedetto il primo dolce affanno
      ch'ì ebbi ad esser con Amor congiunto,
      e l'arco e le saette ond'ì fui punto,
      e le piaghe che'nfin al cor mi vanno.

      Benedette le voci tante ch'io
      chiamando il nome de mia donna ò sparte,
      e i sospiri e le lagrime e'l desio;

      e benedette sian tutte le carte
      ov'io fama l'acquisto, e'l pensier mio,
      ch'è sol di lei; si ch'altra non v'à parte.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: 0kiika0
        Pace non trovo e non ho da far guerra,
        e temo e spero; ed ardo e son un ghiaccio;
        e volo sopra 'l cielo e giaccio in terra;
        e nulla stringo, e tutto 'l mondo abbraccio.

        Tal m'ha in pregion, che non m'apre né serra,
        né per suo mi riten né scioglie il laccio;
        e non m'ancide Amore e non mi sferra,
        né mi vuol vivo né mi trae d'impaccio.

        Veggio senza occhi e non ho lingua e grido;
        e bramo di perir e cheggio aita;
        ed ho in odio me stesso ed amo altrui.

        Pascomi di dolor, piangendo rido;
        egualmente mi spiace morte e vita;
        iin questo stato son, Donna, per voi.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daduncolo

          Passa la nave mia colma d'oblio

          Passa la nave mia colma d'oblio
          per aspro mare, a mezza notte, il verno,
          enfra Scilla e Cariddi; ed al governo
          siede'l signore, anzi'l nimico mio;

          a ciascun remo un penser pronto e rio
          che la tempesta e'l fin par ch'abbi a scherno;
          la vela rompe un vento umido, eterno
          di sospir', di speranze e di desio;

          pioggia di lagrimar, nebbia di sdegni
          bagna e rallenta le già stanche sarte,
          che son d'error con ignoranza attorto.

          Celansi i duo mei dolci usati segni;
          morta fra l'onde è la ragion e l'arte:
          tal ch'incomincio a desperar del porto.
          Vota la poesia: Commenta