Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Franca Colozzo

Architetto, nato lunedì 30 luglio 1951 a GAETA (LT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: FRANCA COLOZZO

Inquietudine

Amore non tace
neppure la pioggia,
che scroscia, inquieta.

Non tace il tuono.
Lontano, rombando,
negli immensi cieli,
lacera la notte.

Non tace la mente
e, come folgore,
illumina a giorno,
con sprazzi improvvisi di luce.

Cos'è quest'amore mai quieto?
Si gonfia dentro,
nube di vento,
in cerca di bufera.

Cos'è questa notte?
L'immagino lunga, consueta:
lontano una lampada accesa.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: FRANCA COLOZZO

    Sirena

    Avanzavi superba dinanzi
    ai suoi attoniti occhi
    leggiadra danzatrice,
    d'erica e mirto vestita.

    Avanzavi coi salsi capelli,
    scomposti dal vento,
    su sabbiose dune arse,
    e il sole sulla pelle.

    Avanzavi, superba,
    nell'aria salmastra,
    col tuo corpo d'alabastro,
    scolpito dagli anni,
    mai stanchi.

    Avanzavi nell'ora silente
    su bianche spiagge da corallo
    lambite, nei caldi meriggi,
    tra nature aspre e selvagge.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: FRANCA COLOZZO

      Il rifugio

      In questo rifugio di gelo
      è calata la notte,
      scorre lucido e nero
      un ritaglio di cielo
      attraverso le mie giravolte.

      Capovolto un coccio di tempo
      mi fissa da ieri,
      dalle pezze remote dei giorni,
      che giocavo leggera.
      E non so quale via seguire,
      dove andare, che fare...

      La prigione è una libera scelta,
      la prigione dei sogni,
      che incasella speranze,
      che accantona ricordi.

      Ed io, folle, che accetto la corsa,
      che m'attardo a sognare
      prigioni dorate e vele lontane.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: FRANCA COLOZZO

        Sento così forte

        Sento così forte,
        amo così forte
        questo disincantato amore,
        che trema e scuote, urla e geme,
        nelle notti e nei giorni,
        calpestando leggero
        folli illusioni.

        E si veste di sempre,
        giocando, bambino,
        tra ironie e beffe
        e si nutre di niente.

        Sento così forte,
        amo così forte
        questo disincantato amore,
        che si spoglia di menzogne,
        levandosi nel vento
        a misurare cieli,
        in un lampo di luce.
        Vota la poesia: Commenta