Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Violina Sirola

Tristezza

Quanta tristezza, dove è passione
senza sentimento
dove fanciulli soffrono
la fame! Quale giustizia è nelle nostre
mani, noi che indugiamo
nel porgere al viandante, a lui
la mano che ci tende invano?

Aria nel vuoto
immenso della sfera
e, se la vita è certa
all'infinito, sospesi noi
danzanti in mezzo al cielo
come pupille nella notte nera.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Violina Sirola

    Fa juorno (Fa giorno)

    Fa juorno, stut o' ffuoco
    nun 'u' nzurfà
    s'appiccia, nun 'u scioscià
    a' cenisa t'abbruscia

    Io te vurria dì
    ca mo' fa juorno, e chiara
    chiara, chiara 'e l'aria
    attuòrno.
    Io te vurria dì,
    sott' 'a 'stu ciel ' stelle
    lucente sò' carute a mmare
    cussì, si nun ci stann' e' llampare

    ch 'e stelle 'a pò verè, 'e acqua
    chiara. E, comm'è bella 'n cielo 'a luna
    chiéna, 'o vient
    frisc' vola 'e fronne
    'e rrose, arape 'a fenesta
    ch 'e stelle 'n' ciel
    'a luna trase ed accussì
    arrepuse

    Stuta 'o ffuoco,
    vurria afferrà ' suonno,
    sulo pe' 'nu mument
    primma ca' fa
    juorno

    Fa giorno, spegni il fuoco, non alimentarlo
    non soffiarci, la cenere ti brucia
    Io vorrei dirti che
    farà giorno e chiara – chiara-
    chiara è l'aria intorno.

    Io vorrei dirti, sotto questo cielo, stelle
    lucenti sono cadute a mare.
    Così, se non ci sono più lampare
    con le stelle puoi vedere
    l'acqua chiara.
    E, come è bella - in cielo - la luna
    piena, il vento fresco vola le foglie
    di rosa. Apri la finestra, con le stelle
    in cielo, la luna entra e così
    - riposi.

    Spegni il fuoco, vorrei addormentarmi
    solo per un momento, prima
    - ch'è giorno.
    Composta nel ottobre 2008
    Vota la poesia: Commenta