Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Fiore1961

Essere padre

Essere padre non è difficile.
Essere padre non è impossibile.
Essere padre non è gravoso.
Essere padre non è un diritto.

Quando pensi di aver raggiunto
il cielo con un dito,
quando ritieni di essere
finalmente arrivato,
quando il successo sperato
ti ha finalmente arriso,
quando null'altro hai da chiedere
che non hai mai avuto,
solo allora capirai davvero
cosa vuol dire essere padre.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fiore1961

    I tuoi occhi

    Forse l'amore non ha mai tinto
    davvero il mio cuore se non quando
    t'ho incontrata lì vicino all'Argentario.

    So che è strano ma ancora io ti amo,
    non trovo altra ragione se non
    il perfido Male alla nostra unione.

    Si, io ti amo! Ti amo e ti amo
    questo sento e forte in me si batte
    un guerriero disperato, sconfitto e torturato.

    Il solo tuo sguardo mi sconvolgeva l'essere
    e in quella notte dalla tua stanza accanto
    ho reso forte in me il coraggio.

    Nelle orbite scolpite del tuo viso
    un caleidoscopio di luci m'appariva
    lievitando sempre più il mio tepore.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Fiore1961

      Peccato!

      Nuvola bianca in un mare d'azzurro,
      una chimera sei per me,
      irraggiungibile.

      Solo l'ardore mi fa cancellare
      pensieri tetri di violenza
      a me stesso consunta.

      La brama è sì forte che
      patirei sei volte
      d'essere inumato.

      S'alza un vento, ti porta via
      soffiando forte col suo cinico sibilo.
      Io, dubbioso, rimango a guardarti.

      Se timido non fossi stato
      non saresti certo così lontana,
      così lontana dal mio respiro.

      Il cielo grigio tutto s'è fatto,
      il tuo candore è ormai sparito,
      ora lo so che ti amo, peccato!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Fiore1961

        Un uomo e una donna

        Un uomo e una donna che restano insieme
        a guardare le stelle in una limpida
        notte d'agosto senza nemmeno sfiorarsi
        appaiono strani agli occhi di tutti.

        In una coltre sull'erba sdraiati
        e ad ogni stella cadente pensando ad un bacio
        aspettano l'alba in punta dei piedi
        null'altro chiedendo al desiderio.

        Sanno di amarsi ma lo negano entrambi.
        I giochini passati li fanno ancor più bambini.
        Si rincorrono, si fermano, si nascondono
        per poi ritrovarsi sempre più soli.

        Chissà se hanno un'anima che li unisca,
        che li renda un solo inscindibile corpo,
        che li fonda con la sua eterea presenza.
        Un uomo e una donna, quanti ricordi...
        Vota la poesia: Commenta