Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Filippo Pistore

Libero professionista, nato lunedì 11 agosto 1975 a Monselice (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Cagliostro

Bacio di Venere

Cielo stellato in questa notte d'estate,
la luna illumina a giorno le strade deserte.
Solo due anime in pena passeggiano,
solitarie, in cerca ognuno dell'altra.
Due luci eternamente distanti,
che solo adesso si incontrano.
Cuori spezzati che cercano di aggiustarsi,
cancellando un passato dimenticato.
Ma i ricordi tornano a farsi sentire,
nascondendo agli occhi la presenza dell'altro.
Ma le anime si sentono
e i cuori battono all'unisono.
Se ben distanti i due amanti si trovano,
specchiandosi l'uno negli occhi dell'altro.
Senza vedersi,
si uniscono in un tenero abbraccio.
Desideri nascosti di entrambi,
che in questa notte di stelle
possono avverarsi.
Ma le labbra di lei sono salate,
riportando entrambi alla realtà.
Il tempo passa,
e si è sempre più distanti.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cagliostro

    Scritto sulla sabbia

    Guardo le lancette del tempo lentamente muoversi,
    un infinito scorrere del destino.
    Ormai sono lontani quei momenti felici
    quando mi specchiavo nei tuoi occhi
    e vivevo dei tuoi sorrisi.
    Adesso sono in attesa,
    forse di qualcosa che mai accadrà,
    che tu possa, almeno nei sogni,
    ricordarti di me.
    Starti lontano è una dolce sofferenza
    che non serve a lenire il dolore.
    Non so chiudere questa porta
    per aprirne un'altra,
    sono troppo legato ai ricordi
    da non potermene privare.
    Ma il tempo passa
    e io posso solo scrivere sulla sabbia
    quello che provo per te
    sperando che la marea
    non cancelli i miei ricordi.
    Le onde avanzano sulla riva,
    nulla le può fermare.
    Presto tutto sarà dimenticato
    come le illusioni che rimarranno celate
    nel profondo del mio cuore spezzato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cagliostro

      Ricordi indelebili

      La notte scorre nei silenzi del cielo,
      sotto mille stelle cadenti.
      Desideri di dolci melodie
      e di parole che scaldano il cuore.
      I tuoi occhi riflessi nei miei,
      le tue labbra sulle mie posate,
      un abbraccio infinito
      che ferma il tempo e lo spazio.
      Istanti scritti in ricordi indelebili
      racchiusi nel profondo dell'animo.
      Gabbia dorata
      di cui solo tu hai la chiave.
      Una stella lascia la notte
      per illuminare il mio desiderio.
      Che questo istante non finisca mai,
      ma che sia l'inizio di un sogno
      da poter vivere in due.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cagliostro

        Ultimo bacio

        Sono sempre più incantato dai tuoi occhi,
        perso nel loro profondo.
        Sguardi che parlano di sentimenti nascosti,
        di emozioni racchiuse nel cuore.
        Non so se c'è un posto anche per me
        o se ancora me lo devo guadagnare.
        So che nel mio hai il posto più importante.
        Ormai il tempo passa
        e ricordi si legano a nuove emozioni,
        come la risacca nella spiaggia
        che unisce onda con onda.
        Guardo il giorno morire
        in un tramonto infuocato,
        con la marea che sale fino ai miei piedi.
        Affondo nella sabbia come i miei pensieri,
        che muoiono sulla tua bocca salata,
        dopo averti rubato l'ultimo bacio della sera.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cagliostro

          Al di là del vetro

          Rossi bagliori all'orizzonte
          nel calar della sera,
          tra colline ormai spoglie e valli nebbiose.
          Solo della natura i rumori si odono,
          rumori che il freddo inverno presto cheterà.
          Una foglia cade nel suo silenzio,
          lasciando ora spoglio il suo ramo.
          I rari lampioni cominciano ad illuminare
          il lento passo del viandante tremante.
          La nebbia pian piano si dissolve
          per lasciar spazio ad una gelida stellata.
          Le prime timide gemme di neve
          lentamente scendono
          a coprir i malanni delle passate stagioni,
          con un velo bianco di seta.
          E noi due,
          distesi su questo morbido tappeto,
          osserviamo il mondo
          dal lato caldo del vetro.
          Dietro al crepitar della legna nel camino,
          noi assaporiamo i nostri sensi
          e scopriamo,
          con i nostri corpi abbracciati,
          il calore di un cuore innamorato.
          Vota la poesia: Commenta