Scritta da: Fabio Piscicelli

Il mio kardia

Questo mio kardia
batte senza posa
da quand'era piccino
come boccio di rosa.
Muscolo di vita,
caldaia di pensieri,
A volte salta il passo
o vibra a spron di tamburo
e quand'è vecchio e solo
si fa così malinconico e assassino.
S'empie, spinge e sparge sangue
dall'alluci fin su ai capelli
e quando smetterà questa pompa magna
vorrei cader nel sonno anch'io
senza lagna.
Fabio Piscicelli
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Fabio Piscicelli

    La maschera sotto

    Non ci sarebbe niente da ridere
    se non di noi stessi,
    eppur belle mietitrici
    falcian via le messi,
    contente,
    con l'Amor in mente.
    E pur la vecchia mietitrice
    falcia via avida le genti, indifferente,
    tale è Morte repente.
    Non si può far a meno di sorridere, allora,
    se così son disposti i denti
    dei nostri poveri teschi.
    Fabio Piscicelli
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di