Scritta da: Enzo Di Maio

Domani er monno sarà tuo

Beato te, fjarello mio,
domani tutto questo sarà tuo!

Beato a chi, a Sor Maè,
me sà che ve sbaiate
le feste sò passate,
se mai ce so state.

Qui nun c'è più un quattrino
manco pe comprasse un bruscolino.
E nun sò nemmemo er solo a lamentamme,
guardateve attorno
c'è tutto un popolo in mutanne.,

Di Beati, Sor Maè.
è pieno er calendario,
quelli che stanno in terra
lo sò solo de nome, e con fatica
sbarcano er lunario...

L'unico Beato vero di cui abbia notizia,
sta laggiù, ar Verano,
vedo sempre la tomba sua
quando vado a trovà mi zia Letizia.

Dev'esse stao proprio felice
grazie a Dio.
La fine sua la vorrebbe fà puro io.

Sulla lapide c'hanno scritto:
"Camminò sempre dritto pe na vita,
l'unica vorta che cascò ne fù felice
e morì senza fatica,
Schioppò de botto mentre
se trombava na gran fica.".
Enzo Di Maio
Composta sabato 2 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    Come un chiodo nel cemento (il primo bacio)

    Amico mio, nun te la pià,
    lo sò, te senti a pezzi
    ma è un prezzo che se paga
    ai sentimenti.
    L'amore non e' infinito
    e la passione, che te sembra eterna,
    brucia in fretta.
    È come na lanterna.
    Se poi se tratta der primo ardore,
    embè, li so cazzi,
    er core te se spezza in mille pezzi.
    Lo strazio dura a lungo, anzi,
    nun avrà mai fine.
    Avrai altre esperienze,
    te sposerai e verranno i fij,
    ma nel core porterai sempre un tormento.
    Il primo bacio è come un chiodo
    ed è piantato nel cemento.
    Enzo Di Maio
    Composta giovedì 31 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      Il giorno mio

      Quando verrà er giorno mio
      e mi troverò davanti a Dio, a meno che
      nun me mannino laggiù, ar cospetto
      de Belzebù,
      me piacerebbe facce un discorsetto:
      "senti un po', Gesù Crì, je direi,
      nun è che dopo aver creato er monno
      te sei riposato un po' troppo?
      Nun sò se te ne sei accorto
      ma laggiù ogni giorno è un quarantotto."
      Avevi detto: "Pace in terra",
      e invece nun c'è giorno senza guerra.
      Hai fatto l'omo de mille colori. chi è rosso, chi è bianco,
      ghi è giallo e chi è nero,
      hai voluto fà er pittore
      e adè na vita che se vive ner terrore.
      C'hai voluto punì e te sei pure incazzato
      pe du cojoni che in fondo
      solo un torso de mela se sò mozzicato,
      e oggi nun t'accorgi che pure
      l'arbero e la terra t'hanno solato.
      Guarda un po' che poi fà, Signore mio,
      er settimo giorno da mo che è passato
      e tu ancora nun te senti riposato.
      L'aggiù, e confermarlo posso,
      n'antri du giorni e nun ce rimane più
      neppure l'osso.
      Enzo Di Maio
      Composta mercoledì 30 ottobre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Il mio libro per te

        Ti scriverò, anche se mi stai accanto.
        Ti scriverò perché le parole volano con il vento
        ed io voglio immortalare un sentimento.
        Ti scriverò per dirti che ti amo, eppoi ancora, ancora t'amo
        e che questo mio amore và oltre l'umano.
        Ti scriverò cosi tanto e raccoglierò tutte le pagine in un libro
        che chiuderò gelosamente in un cassetto
        e sulla prima pagina firmerò un commento:
        "amore mio, senza te trasformerei la mia vita
        in un tormento."
        Enzo Di Maio
        Composta sabato 26 ottobre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Enzo Di Maio

          Quando sono nato

          Quando sono nato, probabilmente,
          lassù, in alto, qualcuno si e sbagliato.
          Io volevo essere un eroe,
          sognavo Ulisse, Ercole ed Achille
          e di massacrar nemici e ogni ribelle.
          Invece mi ritrovo a scrivere parole
          e nemmeno tanto belle.
          La beffa, poi, e che non so
          se riuscirò ad interessar qualcuno.
          Al mondo d'oggi, purtroppo,
          non legge più nessuno.
          Enzo Di Maio
          Composta lunedì 21 ottobre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di