Scritta da: Enzo Di Maio

Il cassetto di mamma mia

Alla fine l'ho svuotato quel cassetto,
non l'avevo mai fatto,
di sicuro per un segno di rispetto
e anche nella vana speranza
di poter fermare il tempo.

Era il cassetto di mamma mia
e, assieme a tante cose,
vi ho trovato una sua fotografia.
L'ho stretta forte al petto,
come per paura che volasse via.

Non l'avevo mai vista così giovane.
ero l'ultimo dei figli, me la ricordo già
grandicella.
Chissa perché era nascosta.
Era proprio tanto bella.

Quando deve aver sofferto,
povera donna, la nostra è una famiglia strana,
metà Italiana e l'altra Americana,
e i figli, soleva dir mio padre,
nell'Italica nazione, non troveranno
mai giusta occasione,
c'è troppa confusione e si vive
di raccomandazione.

Così, via, da creature,
a consumar libri, perché laggiù,
di sicuro ti riesce,
di trovare il tuo futuro a stelle
e strisce.

Che io ricordi non è mai accaduto
di stare una volta tutti insieme
un sol minuto, e questo la rendeva triste,
star lontano dai figli, per una madre,
è un dolore che persiste.

Di solito arrivava qualche cartolina:
"tutto bene Mà, sta tranquilla e un saluto,
anche da parte di zia Tina".
Una telefonata era una cosa rara,
giusto a Natale, ma breve,
perché costava cara.

Ti bacio Mà, sé fatto tardi,
finisco di vuotare il cassetto
e metto tutto in questo cartone,
che per me sarà santo e benedetto.

La foto la terro sempre con me,
mi farà sempre compagnia,
in cambio ci metto questa mia poesia
e una carezza che racchiude
tutto l'amore che ci sia.
Enzo Di Maio
Composta domenica 10 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    L'approccio

    Che faccio, monto?
    Bisogna vede dove, fjarella mia,
    pe no strappo a casa monta,
    nun ce sò problemi,

    laddove pensi, invece, a n'antra cosa
    bè, nun sarai mica scema?
    Se c'avevi un ucello nel cervello
    potevi ferma' qualche  pischello,
    li si che trovavi robba dura.

    A mè da mò che è crollato er palazzo
    e co lui pure l'impalcatura.
    Enzo Di Maio
    Composta venerdì 4 febbraio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      A Civitavecchia manca Ulisse

      Civitavecchia è come Itaca,
      manca Ulisse.
      Commannino li proci
      e i signorotti de paese,
      nun c'è neppure da meraviasse,
      noi nun semo mai stati
      un popolo fiero e, ar nostrano
      avemo sempre preferito
      lo straniero.

      Er caso ha pure voluto
      che nun sé mai trovato
      quarcheduno che è venuto
      già magnato ma semo stati bravi
      a pià sempre quello più affamato.

      Javemo dato tutto,
      primo, secondo e frutta e,
      pe nun fasse criticà, pure er budino.
      Noi semo rimasti cor cerino.

      Hanno governato tanto bene
      che mo er mare è pieno de navi e ciminiere.
      Da figli der Dio tritone mo se trovamo
      schiavi der carbone.

      Er loro nun sé dimostrato proprio amore
      perché, cazzo cazzo, a qui se more.
      Povero popolo mio
      quanto sei fesso.
      Dovresti ogni matina
      lavatte la faccia dentro ar cesso.
      Enzo Di Maio
      Composta lunedì 4 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Il concerto di Baglioni

        E basta, m'hai convinto, vengo,
        smettela de insiste, a sta nenia nun se po' resiste.
        Nun posso di de nò a n'amica, credeme,
        ma pe mè sarà na gran fatica.

        Sò stanco, depresso e preoccupato...
        e nun stò a racconta balle,
        me rodeno le palle.

        Si lo so, te l'ho promesso
        ma a ste condfizioni nun se po annà
        a n'concerto de Baglioni.

        Quello t'ammollerà due o tre vorte
        Porta portese, tranquilla,
        jè chiederanno er bisse
        e io preferirebbe sentimme
        ducento messe.

        Annamo và, sennò famo pure tardi
        e li secondi sò beffardi,
        se se perdemo quarche brano,
        io te conosco, me fai magnà
        semolino un mese sano.

        E sarò pure depresso
        ma mica fesso.
        Pe n'piatto de lanzagna
        me sorbirò sta lagna.
        Enzo Di Maio
        Composta domenica 3 novembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di