Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Enzo Di Maio

Trallallero Trallallà

Trallallero trallallà
come è bella sta città
ando due se sò accordati
pe rubbà come addannati.

Trallallero trallallà
e il suo popolo che fà?
Vive bene, e assai contento,
circondato dar cemento

Trallallero Trallallà
qui er lavoro nun ce stà.
Che ce frega, che ce importa.
puro che nun famo gnente
passeggiamo allegramente.

Trallallero trallallà
l'aria nun se po' più respirà,
ce stà fumo a propusione
provocato dar carbone.
Stà tranquillo n'cè pensà
tanto poco hai da campà.

Trallallero trallallà
a qui er Natale nun ce stà
ed invece di dicembre
festeggiamo er due novembre.

E pe giunge a conclusione
me sò rotto le pistone.

"Scusa ma nun era mejo chiude con cojoni?"
E tu chi sei?
"Io sò er popolo"
Ah ecco, bravo, proprio a te pensavo,
in materia de cojoni,
ma nun me venivi in mente. (enzo di maio)
Composta sabato 16 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Enzo Di Maio

    Me butterei de sotto

    'Mortacci come sò ridotto
    c'ho na faccia che sembro un morto
    e quasi quasi me butterei de sotto.

    Sò stato n'inbecille e me ne pento,
    pensà che me sentivo puro fortunato,
    mo maledico quanno t'ho incontrato.

    Er giorno dopo che t'ho sposato
    già me sarebbe impiccato.
    Prima de di de sì eri na fata,
    na donna ricca e de successo,
    nemmeno l'hai pronunciato,

    mortacci tua,
    sei diventata un cesso.

    Peserai ducento chili
    e pe nun fà sbragà er letto
    c'ho messo du bandoni
    e l'ho riempiti de mattoni.

    "Amò stò a dieta, guarda,
    stasera solo na verdurina."
    Na verdurina?
    ma che me pij per culo?
    quella che te stai a magnà
    me pare tanto na collina.
    Sta attenta quanno vai ar cesso
    sennò butti fori na slavina.

    E mò che uscimo
    nun te mette quer vestito
    a strisce rosso e bianco,
    ha sentito ieri er ragazzino
    che te stava accanto?
    "A ma, guarda,
    è arrivato er circo.

    Nemmeno te posso lascià,
    se tu che c'hai er quatrino,
    tocca tenemmelo sto magazzino.

    Manco posso aspirà a n'eredità,
    conoscenno tu madre
    sò già che t'avrà detto:
    " er tu marito sarà puro
    un ber ragazzo ma adè no stronzo,
    e s'attacca ar cazzo". (enzo di maio.
    Composta venerdì 15 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Enzo Di Maio

      Ricordami com'ero

      Ricordami come ero, ti prego,
      e cancella quelle lacrime dal volto,
      non è ancora giunto quel momento
      e a vederti così
      mi fai un gran torto.

      Mostrami ancora e sempre
      il tuo sorriso,
      quello che ti ha donato
      il paradiso.
      Quello che mi ha colpito
      sin dal primo istante
      e chi mi ha fatto innamorare,
      perdutamente.

      Ricordami come ero, ti prego,
      e non come son ora.
      La vita è solo una parentesi,
      non dura.
      C'è qualcosa di più importante,
      che và oltre.
      Un giorno ci ritroveremo,
      sarà per sempre.
      e non ci lasceremo più
      un solo istante.

      Tu sei me, come io son te.
      Siamo come una sorgente,
      dove sgorga amore.
      Continuamente.
      Composta mercoledì 13 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Enzo Di Maio

        Il cassetto di mamma mia

        Alla fine l'ho svuotato quel cassetto,
        non l'avevo mai fatto,
        di sicuro per un segno di rispetto
        e anche nella vana speranza
        di poter fermare il tempo.

        Era il cassetto di mamma mia
        e, assieme a tante cose,
        vi ho trovato una sua fotografia.
        L'ho stretta forte al petto,
        come per paura che volasse via.

        Non l'avevo mai vista così giovane.
        ero l'ultimo dei figli, me la ricordo già
        grandicella.
        Chissa perché era nascosta.
        Era proprio tanto bella.

        Quando deve aver sofferto,
        povera donna, la nostra è una famiglia strana,
        metà Italiana e l'altra Americana,
        e i figli, soleva dir mio padre,
        nell'Italica nazione, non troveranno
        mai giusta occasione,
        c'è troppa confusione e si vive
        di raccomandazione.

        Così, via, da creature,
        a consumar libri, perché laggiù,
        di sicuro ti riesce,
        di trovare il tuo futuro a stelle
        e strisce.

        Che io ricordi non è mai accaduto
        di stare una volta tutti insieme
        un sol minuto, e questo la rendeva triste,
        star lontano dai figli, per una madre,
        è un dolore che persiste.

        Di solito arrivava qualche cartolina:
        "tutto bene Mà, sta tranquilla e un saluto,
        anche da parte di zia Tina".
        Una telefonata era una cosa rara,
        giusto a Natale, ma breve,
        perché costava cara.

        Ti bacio Mà, sé fatto tardi,
        finisco di vuotare il cassetto
        e metto tutto in questo cartone,
        che per me sarà santo e benedetto.

        La foto la terro sempre con me,
        mi farà sempre compagnia,
        in cambio ci metto questa mia poesia
        e una carezza che racchiude
        tutto l'amore che ci sia.
        Composta domenica 10 novembre 2013
        Vota la poesia: Commenta