Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Enrico Danna

Consulente assicurativo - Poeta dell'anima., nato venerdì 27 agosto 1971 a Torre Pellice (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: ENRICO DANNA

Accendi l'attimo

Fermati un istante
ad assaporare quell'attimo fuggente
che non sai più cogliere.

I tuoi sensi
sono acque gelide
imprigionate nell'apatia d'un argine.

Percorri passi fragili
nel labirinto di regole
che oscurano i tuoi orizzonti.

Respira il tuo respiro
come se fosse l'ultimo battito
d'un cuore stanco.

Inebriati di quel sospiro
che ancor accende il tuo essere
martoriato dal ticchettio di silenzi
che hanno scavato anni.

Libera la pazzia
troppo a lungo repressa
negli echi di venti
che attraversavano le tue stanze.

Colora la tua vita
in questo istante.
Domani potrebbe essere tardi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ENRICO DANNA

    L'amore tra i silenzi

    Un intarsio di parole mai dette.
    Un riassunto di promesse mai fatte.

    Urla nel vuoto
    in una notte afona.
    Sciamare di rondini
    sulla scia d'una lacrima.

    L'amore tra i silenzi
    è un coltello senza lama.

    Un livido sul cuore.
    Uno squarcio di marea
    tra le secche del deserto.

    L'amore tra i silenzi
    è il riflesso di emozioni
    disperse tra le ipotesi.

    Un lento scorrere di attimi
    che attraversano anime fragili
    per tuffarsi tra le onde
    di esistenze inutili.

    L'amore tra i silenzi
    è l'inganno della vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ENRICO DANNA

      Deserti sono gli occhi

      Ombre di solitudine
      sedute ai margini di tavole
      imbandite di parole.

      Il bisogno d'amore,
      è il pianto isterico di un neonato
      abbandonato al delirio delle coliche.

      Deserti sono gli occhi,
      al lacrimar dell'anima.

      Accendo fuochi fatui
      la sera,
      per riempire quegli spazi vuoti,
      alla mensa dei miei silenzi.

      Nell'attesa che quelle ombre
      diventino assurdi ritratti
      dipinti di carnale euforia.
      Vota la poesia: Commenta