Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Emanuele Russo
Ti guardo da lontano
Ubriacato di dialetto

Diletto animo consolato dalle carte
D'antiche parole e versi bagnai le mie verità

Inappagato, digiuno, sgomito
Dell'amore ne custodisco il furore
Lo guardo... lo spoglio
E per un po' non ho più freddo

Amo il mio male
Il mio guardarmi... il mio guardarvi

Sgomito tra quest'acciaio... tra la plastica
Mi manchi, è semplice!
Mi manca la carne

Vivrei solo di me
Di silenzio e di spirito
Vivrei... ma amo il sangue

Consapevole d'esser bruciato vivo
E sbranato dalla mia immensità comica

Ti guardo da lontano
E cerco popoli morti
Mie radici sanguinanti
Carrette di saggezza.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Emanuele Russo

    Torno a Napule

    T'aveva ntise ggià, ma fuie nu sciatile 'e vient, no na ventecata
    Pregne e culure e addore 'e viecchie
    Stive lla campanne pe tramente te cammenave nguoll
    M'ò vulive quasi dicere parlanne senza parole

    Luntan 'o munn m'accereva
    T'annummenava e nun se lavav 'a vocca
    Terra arrubbat chien'e cazzimm
    Nun me vire aggiu turnat!!

    Si cagnata assaie, t'arricordena chiena d'ammore
    Ce sta chi dice ca si fernuta, ca te vennut 'o core
    Sperenn 'e lacreme pure si nun t'apparteng ggià te ress a vita mia
    Pe nu pucurill e sentimento, pe nu canario ca canta na canzona toia
    Vecchia ormaie 'e cient'anne

    Parlamme 'e figliole scurnose, amore sperute
    E guapp senza fierro ma chin 'e core
    'e na miseria allera, tanto 'o munn è na rota!
    'e nu popolo carnale ca ancora se vo astregnere

    si m'è fatt male, me l'aggia scrivo ngopp a rena:
    nu pucurill 'e vient e scurdammc 'o passat!
    si m'e fatt bben l'aggia scava dint'a na preta
    passarrann ''e seculi ma nun me l'aggia scurda'

    t'aveva ntise ggià, e mmo l'aggia allucca
    pure si nun t'appartengo: simm 'e Napule paisà!!!!!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Emanuele Russo

      Scriverò ancora

      Scriverò ancora, forse
      Vivrò ancora, forse
      Sembro senz'anima eppure continuo
      Ho rivisto vecchie pagine, dolci nell'amaro.
      Bella quella carta, dal passato mi faceva sognare.
      L'inizio di una lettera d'amore, equazioni e una dimenticata calligrafia.
      L'avessi pensato che avrei sofferto di più avrei smesso di mordere l'anima mia.
      Torno di nuovo da dove son fuggito
      Affliggo di nuovo i miei nervi stesi al freddo
      In quella gelida città, gonfia di stalattiti, non tornerò più a sperare.
      In quel sentimento ardente che pascolò sul mio cuore, non tornerò
      Più a morire

      Di nuovo rieccomi, punto e daccapo
      Privo d'aneliti ed emozioni
      Macchina per gli altri, stanco di parlare
      Rassegnato attore nella materiale felicità.

      Non penserò più di aver capito, mai più!
      Non m'incazzerò con la mia vita né con te!
      Proverò solo a guardarmi quando n'avrò la forza.
      E se ancora me n'avanzerà,
      Scriverò ancora, forse!
      Vota la poesia: Commenta