Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Sam Hookey

Fuggii da casa col circo,
perché mi ero innamorato di Mademoiselle Estralada, la domatrice di leoni.
Una volta, dopo aver lasciato digiuni i leoni
per più di un giorno,
entrai nella gabbia e incominciai a percuotere Brutus
e Leo e Gypsy.
Ma all'improvviso Brutus mi balzò addosso,
e mi uccise.
Entrando in queste regioni
incontrai un'ombra che m'ingiuriò,
e disse che me l'ero meritato...
era Robespierre!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Louise Smith

    Herbert ruppe il nostro fidanzamento di Otto anni
    quando Annabella ritornò al villaggio
    dal collegio, ahimè!
    Se avessi rispettato il mio amore,
    forse sarebbe diventato un bel dolore —
    chi sa? — riempiendomi la vita di profumo.
    Ma io lo torturai, lo avvelenai,
    lo accecai, ed esso si mutò in odio —
    edera mortale invece che clematide.
    E l'anima cadde dal suo sostegno,
    i suoi viticci s'intricarono in rovina.
    Non lasciate la volontà farvi da giardiniere nell'anima,
    a meno che siate sicuri
    ch'essa è più saggia dell'anima vostra.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      George Gray

      Molte volte ho studiato
      la lapide che mi hanno scolpito:
      una barca con vele ammainate, in un porto.
      In realtà non è questa la mia destinazione
      ma la mia vita.
      Perché l'amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;
      il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura;
      l'ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti.
      Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.
      E adesso so che bisogna alzare le vele
      e prendere i venti del destino,
      dovunque spingano la barca.
      Dare un senso alla vita può condurre a follia
      ma una vita senza senso è la tortura
      dell'inquietudine e del vano desiderio —
      una barca che anela al mare eppure lo teme.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Knowlt Hoheimer

        Io fui il primo frutto della battaglia di Missionary Ridge.
        Quando sentii la pallottola entrarmi nei cuore
        mi augurai di esser rimasto a casa e finito in prigione
        per quel furto dei porci di Curl Trenary,
        invece di fuggire e arruolarmi.
        Mille volte meglio il penitenziario
        che avere addosso questa statua di marmo alata,
        e il piedistallo di granito
        con le parole "Pro Patria".
        Tanto, che vogliono dire?
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          La collina

          Dove sono Elmer, Herman, Bert, Tom e Charley,
          l'abulico, l'atletico, il buffone, l'ubriacone, il rissoso?
          Tutti, tutti, dormono sulla collina.

          Uno trapassò in una febbre,
          uno fu arso nella miniera,
          uno fu ucciso in rissa,
          uno morì in prigione,
          uno cadde da un ponte lavorando per i suoi cari-
          tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

          Dove sono Ella, Kate, Mag, Edith e Lizzie,
          la tenera, la semplice, la vociona, l'orgogliosa, la felice?
          Tutte, tutte, dormono sulla collina.

          Una morì di parto illecito,
          una di amore contrastato,
          una sotto le mani di un bruto in un bordello,
          una di orgoglio spezzato, mentre anelava al suo ideale,
          una inseguendo la vita, lontano, in Londra e Parigi,
          ma fu riportata nel piccolo spazio con Ella, con Kate, con Mag-
          tutte, tutte dormono, dormono, dormono sulla collina.

          Dove sono zio Isaac e la zia Emily,
          e il vecchio Towny Kincaid e Sevigne Houghton,
          e il maggiore Walker che aveva conosciuto
          uomini venerabili della Rivoluzione?
          Tutti, tutti dormono sulla collina.

          Li riportarono, figlioli morti, dalla guerra,
          e figlie infrante dalla vita,
          e i loro bimbi orfani, piangenti-
          tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina.

          Dov'è quel vecchio suonatore Jones
          che giocò con la vita per tutti i novant'anni,
          fronteggiando il nevischio a petto nudo,
          bevendo, facendo chiasso, non pensando né a moglie né a parenti,
          né al denaro, né all'amore, né al cielo?
          Eccolo! Ciancia delle fritture di tanti anni fa,
          delle corse di tanti anni fa nel Boschetto di Clary,
          di ciò che Abe Lincoln
          disse una volta a Springfield.
          Vota la poesia: Commenta