Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Don Juan

Nato a Cosenza (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Don Juan
Urlerai il mio nome
in una notte di luna piena,
strozzerai il pianto
vedendomi volare i cieli
che un tempo ci appartenevano,
stringerai i pugni
e risuoneranno lente le mie parole.
Ti chiederai perché,
ma non troverai risposta alcuna
perché le domande le ho portate
via con me, le ho bruciate
in un angolo che ricordo appena,
le ho affogate in un mare di catrame.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Don Juan
    Seguendo il profumo di una rosa
    ho incrociato i tuoi occhi
    e sfiorato le tue mani,
    ho respirato dai tuoi respiri,
    ho bruciato il sole col mio amore.
    Come una meteora a mezzanotte
    hai attraversato il mio cielo
    e l'hai spento d'un tratto senza avvisare,
    senza darmi il tempo di vedere.
    Ed ora tra le lacrime ed un sorriso isterico
    ti chiedo di restituirmi la vita,
    ti chiedo di ridarmi quell'impeto
    che scuoteva in petto ogni torpore,
    ti chiedo di lasciarmi andare
    se non sai restare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Don Juan
      Quanti sguardi ho incrociato
      da quella maledetta sera,
      quanti occhi mi hanno fissato
      cercando risposte che non ho,
      quanti occhi ancora passeranno
      prima di trovar pace.
      Innumerevoli volte ho cercato
      i tuoi occhi nel resto del mondo,
      ma nessuno ha lo stesso brivido
      che nei tuoi si nasconde.
      Un brivido volato via,
      un brivido scivolato via
      tra mille parole e una sadica allegria
      che per mille ed altre mille notti ancora
      svuoterà i miei pensieri e spegnerà gli ardori.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Don Juan
        Serpenti tra le mani
        che azzannano le vene
        e gonfiano di veleno i polsi
        fino a paralizzare il cuore.
        Crampi in petto strozzano
        il fiato e ogni parola,
        cresce da dentro la rabbia
        come un ruggito profondo
        che sale dagli inferi
        e atterrisce l'anima.
        Vorrei urlare ma non so più farlo,
        e cerco pace ma non la trovo
        e più la cerco e più muoio dentro,
        vorrei correre senza dovermi fermare
        neanche per respirare o dover guardare.
        Solo, ad un passo dall'inferno,
        senza il coraggio di avanzare
        né la forza di ritornare.
        Vota la poesia: Commenta