Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: geggio

Il solito, grazie

Perso nel silenzio della notte
il fegato mi chiama
e sussurra
datti una calmata ho ancora bisogno di te

io sorvolo con il pensiero e mi perdo
nel vuoto più totale che solo una birra finita ti può dare

ho la cicca, l'ultima, della nottata
ormai
trasformatasi in mattinata

tra una rissa e dei pugni secchi
finisco con lo svanire di questo giorno
strano e inutile
come quelli che seguiranno

ma almeno qualcuno mi ha chiamato
il mio fegato mi ha avvisato

triste e solo mi spoglio
solo svanisco nel mio letto
dopo la solita tappa
verso il cesso
la mia casa.
Composta domenica 6 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: geggio

    Forse

    Perdente
    soldi al vento
    vellutati e insensati
    volano nel mio portafogli
    non dò interesse alla mia sopravvivenza

    libero sfogo
    libero arbitrio

    sono stomachevole
    incapace di mantenere

    incapace di dare
    solo voglio vivere
    già
    non sopporto il mio essere

    un lamento continuo
    un dono non sfruttato

    occasione mancata
    bevo per non essere
    fumo per svanire

    la notte
    mi sfiora

    io la dirigo
    nello stato
    in cui sono
    mi perdo

    girando tutto
    tutto gira
    le idee si incontrano

    in un unico sfortunato punto
    perché?

    maledetta sera
    maledetta donna

    maledetto che io sia

    mi faccio controllare da altre persone
    ottima scusa
    sono io
    sono io
    che voglio vivere
    il momento

    mi dispiace
    ma la mia risposta sarà
    sempre
    forse
    chissà

    ci sentiamo domani

    forse...
    Composta venerdì 4 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: geggio

      Mia regina

      Perverso
      derido il mio essere
      mi nascondo dalla folla

      mi muovo a piedi
      respiro l'aria fresca
      riempiendo la testa di pensieri

      allungo lo sguardo

      cercando l'orizzonte
      ti vedo
      quanto sei bella ed innocente
      solitaria ed immensa

      ti fai largo tra le stelle

      la natura è spaventosamente bella
      tu la sua regina
      dolce e commovente come sempre

      una bella sorsata
      mi asciugo le labbra
      e ti dono un bacio

      mi rassereni

      sei tu
      la mia musa
      sei tu

      la mia regina.
      Composta lunedì 31 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: geggio

        Tripletta mancata

        Questa sera vivo di sorrisi e felicità
        oggi è andato tutto per il meglio
        mancata solo la scopata

        vabbè speriamo nel nuovo giorno

        oggi ho vinto alla carte e mi sento quasi un dio
        ho guadagnato qualche spicciolo che ovviamente
        sputtanerò

        nel bere, nelle carte o portando fuori la mia donna
        per compiere il tutto

        la tripletta della serata

        bere e sorridere scrivendo poesie
        vincere dei soldi e sfidare la sorte
        fottere, fottere la donna
        questa è la tripletta vincente

        fare tutto ciò
        concludere
        la tua mano
        con tutte queste cose

        ti farà sentire un dio

        ora io sono un mezzo dio
        non ho imbucato
        non ho concluso
        ma ci sono andato vicino

        arriverà il giorno?
        nel frattempo attendo
        il dolce riposo
        mi farà vivere un'altra vita
        e chissà

        se domani ci riuscirò
        dubito
        ma la speranza è l'ultima a morire

        dolce notte vecchia vita
        attendo la resurrezione

        morte attendi
        io sto vivendo la gloria più triste
        ma con un sorriso l'accolgo
        attendi...
        Composta venerdì 14 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: geggio

          Libero di sbagliare

          La mia donna un totale lucchetto
          ho perso le chiavi
          legato e fottuto

          sono legato e fottuto
          l'esperienze voglio vivere
          bere, sbagliando
          non far del male a nessuno
          voglio mangiare la strada
          voglio vivere come un cane

          eppure qui al caldo
          sto scroccando
          la vita di altri

          sto cercando un fabbro
          un fabbro

          tu ne conosci uno?
          Composta giovedì 13 dicembre 2012
          Vota la poesia: Commenta