Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: geggio

Vita infame

Tutto se ne va
mi perdo dentro una serata
fatta di nulla
il cuore che va
prima o poi esploderà
non ho niente
fatto e disperso
in un vuoto non voluto
pensare
come voi avete passato la serata
vi avrei pure ascoltato non so per quanto
l'ora torna indietro facendomi vivere
la festa
la noia, l'infelicità che dentro va
non so più chi sono
non so dove vado
prima o poi troverò un muro
schiantandomi
ti troverò
cuore esplodi
divorami.
Composta domenica 30 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: geggio
    Tutto se n'è andato
    come un soffio
    spegnendo la fiamma
    sorvolando nella nottata
    la luce si è spenta
    è finita
    la serata è morta

    perseguitato da continui pensieri
    cibo spazzatura
    figa vista e non toccata
    scrivere di una serata conclusa
    in un ricordo

    butei persi che abbandonano il campo di battaglia

    questa fottuta guerra

    non è da farsi

    ovunque
    ogni volta
    la solita storia
    scimmia di bianca
    scimmia di erba
    scimmia di figa

    nulla cambia in questo posto

    mi unisco a loro
    congelando

    siamo giunti alla fine
    tutto si ripete e tutto torna

    i ricchi fanno i ricchi
    e spendono in continuazione

    i poveri fanno i poveri
    e bevono con me

    rubando un sorriso
    cercando la felicità

    che mai troveranno
    ma noi siamo fatti così

    esploratori
    sognatori
    amanti

    in questa fottuta vita se ti accontenti
    muori
    svanisci
    e finisci.
    Composta venerdì 23 settembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: geggio
      Inrispettosa
      fastidiosa
      bugiarda

      nudo
      davanti a te
      incerta di tutto

      non sai cogliere
      capire i momenti

      il tempo viaggia
      ed il secondo è breve
      e perso
      non torna più

      io sono passato ed il passato è passato

      questa è tutta la conclusione tra di noi

      e tu

      viaggi ancora in una finta realtà
      facile volere tutto

      ma il tutto lo crei

      tu sei tu
      vuoi essere così

      lasciami in questo mondo
      fammi morire giovane

      non cercarmi più
      il passato è passato

      io sono
      io chi sono?

      Volo via
      solo
      come della stupida cenere.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: geggio

        Tutto se ne va

        Quando ti senti qui da solo
        quando immagini l'infinito
        ma tutto non va

        un goccio ti tira su
        e la rabbia svanisce
        svanisce

        allontanando tutto il peggio
        un sorriso ti sopraggiunge
        io sono qui
        io da solo
        volo
        l'immaginazione dilaga

        tutto hai capito
        perche hai ascoltato

        hai ascoltato
        le cose che non andavano

        e tutto va
        sei qui da solo
        un goccio ti fa rinascere

        uccidendo ogni male
        sei tu da solo
        solo qui

        amandoti
        sorvolando la nottata
        che se ne va

        corri rincorri il tuo sogno

        tutto svanisce in un secondo
        fermati
        fallo tuo

        lasciandoti in un dolce vuoto

        sei tu e tutto se ne va.
        Composta sabato 19 marzo 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: geggio

          Lupo

          Volo nel vuoto più totale
          prima o poi
          la farò finita

          l'alcol mi da la carica
          posso vivere ovunque
          ma non qui
          vorrei essere sempre in questo stato
          leggero e piacevole
          euforico

          solitario ma felice
          questo mondo di uomini
          mi disgusta

          ascoltare ed annusare come un animale
          un animale
          questo è vivere

          vi credete intelligenti
          mangiate merda

          ciechi di spirito

          persi nel vostro vanto
          mi fate schifo

          vorrei ululare come un lupo
          le stelle e la luna farle mie
          il mio sfondo

          siete ingordi
          e tristi
          devo sopportarvi

          ma fottetevi
          stupidi esseri

          non è uno sfogo
          ma un semplice essere

          vivete senza paura senza pensieri
          e il mondo diventerà vostro

          questo mondo è mio
          ululando alla luna.
          Composta sabato 19 marzo 2016
          Vota la poesia: Commenta