Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Delia Legittimo

Università di Padova
Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Delia

Nostalgia

Questo paese
così desolato,
così maestoso,
risveglia la mia malinconia.
Questa nostalgia
mi scorre nelle vene
e rende il mio sangue carico d'amore.
Ti vorrei con me
in questo momento
e poi
per sempre.
La vista di abissi profondi,
impervie montagne,
il lago...
mi tolgono il fiato.
In questa immensità divina
ti penso
e mi manca di te
il sapore dei baci.
Questo malinconico languore
è carico di nostalgia
e una tenerezza infinita
ti cerca
negli angoli più intimi del mio cuore.
Ne sono sempre più certa:
mi manchi.
Composta martedì 5 settembre 2006
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Delia

    A un'amica

    Mia cara amica,
    tu che mi comprendi,
    che mi sopporti
    e mi ascolti,
    grazie.
    La mia gratitudine è grande
    come un urlo di gioia in uno stadio,
    o come il silenzio che mi coglie
    davanti a un cielo pieno di stelle.
    Grazie amica mia
    per tutta la comprensione che mi dai,
    per la premura che forse non merito,
    ma che accetto a piene mani.
    Sento di avere con te un debito
    che forse non riuscirò a pagare
    se non con un affetto profondo
    che si sprigiona dal mio cuore
    e che mi scalda.
    E spero scaldi anche te.
    Composta lunedì 22 maggio 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Delia

      Il mare

      Il mare è la mia vita,
      la quiete della mia anima,
      la forza dei miei sensi.

      Sono seduta sugli scogli
      che mi graffiano la pelle,
      ma con dolcezza.
      Le onde vengono, vanno
      e poi ritornano
      e spruzzano il mio viso
      di mille vivaci stelline.
      L'odore salmastro
      mi penetra nelle narici
      e mi inebria.

      Il mare è la mia verità,
      la mia certezza,
      il mio soffio vitale.

      Il mio mare sei tu.
      Composta lunedì 15 maggio 2006
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Delia

        Goccia, dopo goccia

        Il calore mi avvolgeva;
        era ovunque,
        nelle mie membra
        negli interstizi delle mie cellule.
        Gioia;
        la lunga estate dell'amore.
        Una fiamma calda
        che goccia,
        dopo goccia, dopo goccia
        hai spento.
        E ora dentro di me
        è buio,
        è freddo,
        tanto deserto e tanta tristezza,
        ma soprattutto buio...
        e freddo.
        La mia anima, il mio cuore non bruciano più.
        Goccia,
        dopo goccia,
        dopo goccia.
        Composta domenica 6 giugno 2004
        Vota la poesia: Commenta