Scritta da: Gabriella Stigliano

Alla finestra

Si piegano i pini ad ascoltare i mormorii del vento autunnale
che i neri pioppi fa agitare in un isterico riso
mentre la casa del giorno lentamente chiude le sue imposte
orientali.
In fondo alla valle, confusamente le lapidi del cimitero - lontane
si raggruppano, avvolgendo la loro vaghezza nel grigio sudario
della nebbia,
ormai che nel crepuscolo i lampioni all'improvviso hanno
iniziato a sanguinare.
Fuori dalla finestra volano le foglie e passando una parola
pronunciano al viso che fissa l'esterno, guardando
se soffia la notte un pensiero o un messaggio sui vetri.
David Herbert Lawrence
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    In Barca

    Vedi le stelle, amore,
    Ancor più chiare nell'acqua e splendenti
    Di quelle sopra a noi, e più bianche
    Come ninfee!

    Ombre lucenti di stelle, amore:
    Quante stelle sono nella tua coppa?
    Quante riflesse nella tua anima?
    Solo le mie, amore, le mie soltanto?

    Guarda, quando i remi muovo,
    Come deformate s'agitano
    Le stelle, e vengon disperse!
    Perfino le tue, lo vedi?

    Rovesciano le stelle le acque
    Acque povere, inquiete, abbandonate...!
    Dici, amore, che non viene scosso il cielo
    E immobili son le sue stelle?

    Là! hai visto
    Quella scintilla volare su di noi? Le stelle
    In cielo neanche son sicure.
    E di me, che sarà, amore, di me?

    Cosa sarà, amore, se presto
    La tua stella fosse lanciata sopra un'onda?
    Sembrerebbero le tenebre un sepolcro?
    Svaniresti tu, amore, svaniresti?
    David Herbert Lawrence
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Gioventù vergine

      Di quando in quando
      Tutto m'ansima il corpo
      E la vita mi appare negli occhi,
      Tra essi vibrando e la bocca
      Giù selvatica discende per le membra
      Lasciando gli occhi miei svuotati tumultuanti
      E il petto mio quieto colma d'un fremito e un calore;
      E giù per le snelle ondulazioni sottostanti
      Che onde diventan pesanti, di passione gonfie
      E il ventre mio placido e sonnolento
      All'istante ribelle si desta bramoso,
      Eccitato sforzandosi e attento,
      Mentre le tenere braccia abbandonate
      Con forza selvaggia s'incrociano
      A stringere - quel che non hanno stretto mai.
      E tutto io vibro, tremo e ancora tremo
      Finché la strana potenza che il corpo mi scuoteva
      Non svanisce
      E nobile non risorge l'ininterrotto fluire della vita
      Nella durezza implacabile dei miei occhi,
      Non risorge dalla bellezza solitaria del corpo mio
      Esausto e insoddisfatto.
      David Herbert Lawrence
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Previsione

        Pazienza, piccolo Amore!
        Una donna dal petto pesante, calda come giugno entrerà
        Un giorno e chiuderà la porta, per restare.

        E quando l'animo tuo, oppresso, avrebbe reclamato
        Una fresca notte solitaria, il suo petto la notte coprirà
        pendente nella stanza tua come una coppia di gigli tigrati,
        che i loro petali oro-pallido schiudono con ferma intenzione
        E soffocano le tenebre blu con acre profumo, fiaccando
        Il tuo corpo con la spinta dei suoi capezzoli, finché
        Freschezza bramerai con una forte sete.

        E ti ricorderai allora, con desiderio vero
        Per la prima volta, quel che ero per te.
        Così profondamente sogna un narciso selvatico
        E ti attende attraverso l'oscurità
        Fredda ed azzurra, brillando allegramente
        Ai tuoi piedi come piccola luce.

        Pazienza, piccolo Amore! Negli anni a venire
        Io sarò felice per te, nella memoria.
        David Herbert Lawrence
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di