Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

Penna tra le mani

io non so il perché
Dio ha messo tra le mie dita
una penna
tra rime fantasiose io vivo
nel profondo blu del cielo
dove l'orizzonte è one con il mare,
nello scivolare leggero
della goccia di rugiada
sul filo d'erba,
come una farfalla solitaria,
svolazzo tra prati fioriti
allegra e incosciente,
mentre l'aquila raggiunge
il suo nido più impervio
di una montagna selvaggia,
e il lupo attraversa la foresta
scrutando il cielo con
occhi profondi,
e le grandi onde oceaniche
rotolano con fragore verso
caldi lidi solitari,
e nel silenzio della notte
ascolto il mio cuore che batte,
sono così viva!
Composta sabato 27 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Scoiattolo

    Veloce lo scoiattolo
    dagli occhi furbi e lesti
    vive nel magico silenzio del bosco,
    tra il profumo delle foglie secche
    nasconde il suo mangiare
    con la coda sbarazzina,
    al suo apparire è sempre un allegria.
    sale veloce gli alberi
    per entrambi è un divertimento,
    e il sorriso dell'intero bosco.
    marrone
    grigio
    o nero
    e dolce e tutti lo amano
    evviva lo scoiattolo!
    Composta sabato 27 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Sussurri

      Io sento i sussurri degli alberi,
      sento il loro mormorio d'amore,
      sento la loro morbidezza,
      la brezza delle foglie
      accarezza tutto il mio corpo,
      incanto,
      dolcezza,
      respiri,
      maestosità,
      regna nel bosco,
      le foglie scoloriscono lentamente,
      l'umore autunnale è arrivato,
      e gli alberi obbediscono
      come sempre,
      perché loro conoscono
      uno solo sentimento,
      l'amore.
      Composta sabato 29 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Addio

        Addio monti impervi
        sentieri scoscesi
        boschi umbratili,
        incanti di attimi che fuggono
        spirito magico di rocce armoniose,
        lento andare del tempo,
        alberi di maestose querce,
        prati verdi e morbidi,
        io vi dico addio,
        per il resto della vita
        voi apparterrete a me,
        per il resto della vita
        io vi ricorderò.
        guarderò nel profondo universo,
        e voi sarete la,
        nel mio cuore e nella mia anima.
        Composta sabato 29 settembre 2012
        Vota la poesia: Commenta