Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

io sono cresciuta

io sono cresciuta
tra gli animali,
oche, galline, galli di pollaio,
gatti di casa,
somari con sguardi dolci,
conigli ruminanti,
e io parlavo con loro
seguivo le oche
correvo dietro alle galline,
cani e gatti seguivano me,
insieme raggiungevamo i boschi,
insieme entravamo nel ruscello,
noi giocavamo con l'acqua e fango
io perdevo le scarpe,
tornavo a casa, sporca
bagnata,
seguita da
cane
gatto
galline
anatre...
loro amavano me.
Composta sabato 27 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    il mio uomo

    l'uomo che ama me,
    appartiene al passato,
    io non l'ho mai conosciuto,
    non so chi sia,
    ma sento i suoi pensieri,
    egli immaginava me,
    era un poeta, un artista,
    ogni nostro pensiero
    vaga nell'universo
    e raggiunge una persona,
    lui ha raggiunto me,
    attraverso i suoi pensieri,
    io ho sentito il suo amore,
    ascolto la bellezza della sua anima,
    straordinaria luce vagante
    nel vuoto siderale,
    nell'immensa solitudine del vuoto,
    il suo pensiero, il suo desiderio,
    ha raggiunto il mio cuore,
    e ha circondato me di caldo amore
    evanescente, incomprensibile,
    ma eternamente forte.
    Composta sabato 27 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta
      Quando io sono accanto a un albero
      e la mia anima brilla di gioia,
      lo abbraccio con amore,
      cerco di salvarlo dall'essere abbattuto,
      cerco di salvare ogni montagna
      da ogni terribile saccheggio,
      a volte è una battaglia persa,
      but io no posso rimproverare nulla
      perché io ci provo sempre.
      Fatelo anche voi.
      Proteggete gli alberi
      che sono in piedi accanto a voi.
      Composta sabato 27 ottobre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        forza interiore

        Della mia forza interiore,
        tutti hanno timore,
        perché io sono come le querce,
        la montagna e il bosco
        hanno forgiato me
        così come io sono.
        io devo essere forte
        per tutti...
        io no perdere tempo
        a piangere su me stessa,
        nel buio e nel freddo
        trovo la luce e la raggiungo,
        il sentiero impervio di montagna
        ha insegnato questo a me,
        la fatica tra le roccie
        e il buio pesto della notte
        non hanno mai vinto.
        io so affrontare tutto
        solitudine
        malattia
        disgrazia e povertà.
        Ma io non so affrontare l'amore.
        io non ho fiducia nell'amore,
        ho timore dell'amore di un uomo,
        forse io non sono capace
        ad amare un uomo,
        per questo io
        allontano tutti.
        Composta sabato 27 ottobre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Penna tra le mani

          io non so il perché
          Dio ha messo tra le mie dita
          una penna
          tra rime fantasiose io vivo
          nel profondo blu del cielo
          dove l'orizzonte è one con il mare,
          nello scivolare leggero
          della goccia di rugiada
          sul filo d'erba,
          come una farfalla solitaria,
          svolazzo tra prati fioriti
          allegra e incosciente,
          mentre l'aquila raggiunge
          il suo nido più impervio
          di una montagna selvaggia,
          e il lupo attraversa la foresta
          scrutando il cielo con
          occhi profondi,
          e le grandi onde oceaniche
          rotolano con fragore verso
          caldi lidi solitari,
          e nel silenzio della notte
          ascolto il mio cuore che batte,
          sono così viva!
          Composta sabato 27 ottobre 2012
          Vota la poesia: Commenta