Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Daniela Cesta

La natura e me

Osservare la natura, o gli alberi,
o i prati, o semplicemente, un giardino,
è per me sollievo dell'anima,

riscalda il mio cuore, e lo travolge,
trasporta il mio spirito, nel mondo dei sogni,
accendendo la mia fantasia infinita,

vibra la mia anima, di gioia incontenibile,
energia, vigore, amore, luce, dona la natura a me,
fluttua nell'aria, come farfalle scintillanti,

mi avvolge con carezza dolce,
come sfere, trasparenti piene di luce
donano al mio essere fresche beatitudini,

gli ultimi petali di rose, cadono silenziosi e delicati
nel loro antico fascino profumato
l'addio dell'estate che se ne va.
Composta sabato 19 settembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daniela Cesta

    Nella notte

    Le parole che, non ti ho detto, sono scritte nel mio cuore,
    nell'intimo profondo, dentro la pace e nel sogno,
    nel rispetto e nella sincerità, nella cortesia e nella gentilezza,

    nei tremiti, sospiri, emozioni, quando la luce della notte,
    copre il cielo, tutto esce dal mio cuore,
    e raggiungono le stelle, tra sogno e realtà.

    Mentre gli occhi si chiudono nel sonno.
    Composta mercoledì 16 settembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daniela Cesta

      Le lacrime

      Le lacrime sono gocce salate,
      benefiche e liberatorie, da dentro di noi,
      piangere dona umiltà, al nostro spirito ribelle,

      Dio conta le nostre lacrime, di tutta l'intera nostra vita!
      Guai per coloro che, provocano lacrime,
      Dio tiene tutte per se, le lacrime del mondo,

      ama tutte le lacrime, come amò, le lacrime di Cristo, suo figlio,
      nessuna lacrima, si perde in questo universo,
      le prende il creatore, e le chiude nello scrigno, del suo cuore.
      Composta mercoledì 16 settembre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daniela Cesta

        Il libro della terra

        La natura è il nostro primo libro,
        l'umiltà della terra, il suo coraggio,
        la sua sapienza, la sua bellezza senza tempo,

        ogni attimo passato, nel silenzio del creato,
        è unico e irripetibile! La sottomissione degli alberi,
        come esseri sempre in piedi, che donano amore,

        dopo la pioggia benefica, compare l'arcobaleno,
        segno di pace, tra cielo e terra, segni donati da Dio,
        e noi che siamo, polvere di questa terra,

        torneremo nella sua profondità, mentre la nostra anima,
        raggiungerà il profondo vuoto, nell'abisso del cielo,
        come piccole luci, fiammeggianti di amore.

        Nessuno di noi, sul sentiero del cielo,
        sentirà piu solitudine, smarrimento, confusione,
        sarà la nostra vera vita, eterna.
        Composta mercoledì 16 settembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Daniela Cesta

          Gli uccellini raccontano

          Mi piace parlare con gli uccellini,
          essi raccontano tante cose, parlano del cielo,
          dell'azzurro vuoto e della terra vista dall'alto,

          dello splendore degli alberi, che allungano i rami verso l'alto,
          della frizzante primavera, e del caldo sole estivo,
          hanno il cuore pieno di amore, gli uccelli,

          loro, conoscono i sentieri del cielo,
          ascoltano l'istinto interiore del loro spirito,
          vicini alle stelle, volano sull'arcobaleno,

          vedono gli angeli e volano con loro per gioco,
          la luce appartiene allo spirito e quando brilla,
          è pieno di amore per tutti.
          Composta martedì 15 settembre 2015
          Vota la poesia: Commenta