Scritta da: Cleonice Parisi

Ricorda

Quando della bruma io sarò spuma,
vorrei diventar la tua luna.

Vorrei aver del sole le mani
e della notte essere la stella,
vorrei possedere il canto di una sirena
che il tuo cuor non incanta
ma che al viver lo comanda.

Vorrei esser la luce di un giorno
che non conosce tramonto,
vorrei sondar per te gli abissi
e toglierti dalle spalle crocifissi.

Vorrei essere il tuo faro,
e della tua nave essere lì al varo.

Vorrei esserci...
ma se così non fosse,
ricorda
in cielo non ci sarà corda
che di te mi scorda.

In te cuore del mio cuore
la continuazione del mio amore.

Quando della bruma io sarò spuma
tu guarderai alla luna,
non ci sarà corda che di te mi scorda.

Ricorda.
Cleonice Parisi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    L'abito che ti abita

    Vestiti per come sei,
    sii semplicemente te,
    anche se semplice non sei.

    Fedele ai tuoi colori,
    fedele ai tuoi istinti,
    fedele ai tuoi umori.

    Anche se fuori dagli schemi,
    anche se stonato nel contesto
    resta te stesso,
    e la tua personalità
    avrà voce nella realtà.

    Usa "l'abito" che ti abita
    resta te stesso
    non conformarti al resto.

    La moda è quel pretesto
    che ci rende uguali al resto,
    sii fedele a te stesso
    distinguiti presto.
    Cleonice Parisi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Uomo Piccola Chiesa

      Uomo Piccola Chiesa,
      nel silenzio del tuo intimo pensiero,
      celebrerai la comunione col tuo profondo essere;

      Uomo Piccola Chiesa,
      camminerai nella sacralità della tua esistenza,
      attraverso il tuo semplice esistere;

      Uomo Piccola Chiesa,
      pregherai in ginocchio sull'altare innalzato al tuo pianto,
      il Sole che ne asciughi le lacrime;

      Uomo Piccola Chiesa,
      aprirai questo luogo sacro
      a chi ugual preghiera innalzerà canto
      ed insieme mano nella mano
      schiuderete al vivere le chiese del mondo.
      Cleonice Parisi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        Disciplinati

        Tu sei il Generale del tuo esercito,
        Disciplinati.
        Sarai condottiero di malnati,
        se malnati avrai saputo allevare;
        O condottiero di eroi
        se eroi avrai saputo indottrinare.

        Tu sei il Generale del tuo esercito,
        Disciplinati.
        Comanderai un gregge di pecore,
        se per tali le avrai allevate;
        O uno stuolo d'aquile
        se nel giusto le avrai involate.

        Tu sei il Generale del tuo esercito,
        destati,
        allinea le tue truppe
        impartisci i comandi
        e assesta la tua esistenza.

        Fornisci al tuo esercito
        il suo obiettivo,
        e raggiungilo.

        Tu sei il Generale del tuo esercito,
        Disciplinati.
        Cleonice Parisi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di