Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Cleonice Parisi

La mezza visione

Fammi crescere grande
e con grandi passi superare l'abisso dell'anima;

Fammi crescere grande
e con grande amore superare il non amore;

Fammi crescere grande
o rendimi piccola tanto da non chiedermi il perché;

Fammi crescere grande
o rendimi piccola tanto da non dare fuoco al dubbio;

Fammi crescere grande
o rendimi piccola tanto da non capire;

Fammi crescere grande
o rendimi piccola tanto da non cercare;

Fammi crescere grande e apri completamente il mio occhio al vivere
o rendimi piccola e cieca,
la mezza visione è solo dolore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Cleonice Parisi

    Tu che di cuore sei fatto

    Conterai le aurore,
    tu che di cuore sei fatto,
    e nelle notti senza luna
    alla fiamma dei ricordi
    accenderai il camino del cuore
    per riscaldarne le fredde pareti.

    Canterai al vento
    tu che di cuore sei fatto,
    e quando il buio colmerà la bocca di ogni tuo dire
    del cuore ascolterai
    il canto che non abbandona;

    Spiegherai ali nei sogni
    tu che di cuore sei fatto,
    e quanto il cielo lancerà spade
    tu non accetterai sfida
    e nella culla dei sogni
    riparerai la speranza
    del tuo cuore.

    Conterai aurore,
    Canterai nel vento,
    Spiegherai ali,
    tu che di cuore sei fatto.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Cleonice Parisi

      Farfalla in Volo

      Dilata l'anima al canto del mondo
      e del mondo ascolterai il palpitare intenso;

      Dilata l'anima al canto libero del vento
      che soffia nella luce di un fiore,
      e danza attraverso i suoi nobili colori;

      Danzerai con la musica nel cuore
      quando l'armonica canzone della vita
      avrà seminato in te il suo sorriso.

      Tu farfalla dalla luce interiore
      ti solleverai oltre il canto umano
      per raggiungere la stella del tuo vivere
      oltre quella oscura nube
      che nasconde al vivere
      il suo prezioso tesoro.

      Danzerai nei cieli
      e tu sarai mistica essenza tra i raggi
      di quella stella che porta il tuo nome.

      Dilata l'anima al canto melodioso del vivere,
      saggia il frutto celato dalla dura scorza
      di cui ti sei nutrito per consolidare comprensione.

      Schiuderai ali immense
      per librarti in volo nei sentieri incantati di un vivere diverso,
      dove cibo per l'anima sarà il suo solo canto.

      Farfalla in volo aprirai ali
      che sorprenderanno le stelle del vivere per grandezza e colore,
      ma l'immensità del cielo non avrà in se stupore,
      attesa era la tua luce laddove solo luce è.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Cleonice Parisi

        La tua follia

        A Follia che bussi;
        A Follia del cui concepir io rifuggo;
        A Follia che soffochi pensieri e parole
        che tiranneggi la vita.

        Follia asciugherò le lacrime dell'anima
        e placherò il mare della tua esasperazione.

        La follia è il pianto estremo di una anima incatenata;
        La follia è la porta schiusa per chi respira solo oscurità;
        La follia è la rabbia inesplosa che trova fiato nel suo urlo estremo;
        La follia è la voglia di vita che tutto distrugge;

        Non cedere alla follia,
        frena il suo dire estremo
        Ascoltandola.

        Tu ascolterai la tua follia;
        Tu berrai dalla tua follia;
        Tu coccolerai la tua follia;
        Tu comprenderai la tua follia;

        La follia è il pianto estremo di un anima che soffre,
        asciuga le lacrime alla tua anima
        e il suo pianto cesserà di esistere.

        Tu uomo cavalcherai la tua follia
        come cavallo impazzito
        girerai a vuoto
        nel tuo cielo interiore.

        Ma di quel cavallo
        frenerai il passo al vivere
        sia folle la tua corsa
        ma nel tuo sol pensiero.

        Ascolta la tua follia,
        essa non è poi così folle
        ti sta solo mostrando
        i confini della tua prigione.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Cleonice Parisi

          L'Uomo solo

          Sofferta è la comprensione
          dell'uomo solo,
          prima di addivenire al se unico
          avrà battuto i suoi mille alter ego
          dai molteplici volti
          atti a confonderne il pensiero.

          Agirà davvero l'uomo solo,
          quando nel muoversi dovrà dar conto al suo unico avanzare;

          Cambierà davvero l'uomo solo,
          quando nel divenire inquadrerà il suo unico sentiero;

          Produrrà davvero l'uomo solo,
          quando avrà guadagnato la propria comprensione;

          Migliorerà davvero l'uomo solo,
          quando del suo seme vedrà raccogliere frutti;

          L'uomo solo guarderà al domani
          conservando rettitudine e passo fermo,
          e nel molteplice cammino si troverà ad avanzare
          proiettato dal suo unico e stabile sentiero.
          Vota la poesia: Commenta