Poesie di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Dai fondali dei ricordi

Melodia delle tue vocali corde,
riemergono dai fondali dei ricordi,
accarezzo le mie gote
inumidite da rugiada di lacrime.
Imploro i sogni
germogliano immagini
di baci e carezze
ma come pungenti aghi
infliggono dolore all'anima,
mesta e silenziosa
nel buio della notte
orfana del tuo affetto.
Dolci e amari rimpianti
di un amor passato,
non ci sei,
mi manchi,
con le mani in petto
stringo la tua foto,
in essa il tuo profumo
inebria la mia anima.
Claudio Visconti De Padua
Composta giovedì 22 novembre 2012
Vota la poesia: Commenta

    Scrivere

    Barcollo dal sonno dolcemente
    nei pensieri e nelle parole
    che scrivo in questo momento.
    Continuo a scrivere nei fogli del mio cuore,
    e ne traggo una commedia
    mista a lacrime e gioia.
    Adagio mi accascio sul mio soffice giaciglio,
    e mi lascio accarezzare dalla piuma calda
    della coltre coperta.
    La mia anima invasa da sussurri e sospiri,
    da fuggevoli ricordi
    tutti ispirati all'amore,
    l'amore delle anime nostre.
    Claudio Visconti De Padua
    Composta giovedì 22 novembre 2012
    Vota la poesia: Commenta

      Con la leggerezza di una farfalla

      Con la leggerezza di una farfalla,
      sei entrata nell'anima mia,
      posando le tue ali
      sul nettare del mio amore.
      Le tue colorate ali
      hanno dissolto il grigiore
      della mia tristezza,
      hanno ventilato il tuo
      profumo sul mio profumo.
      Come fiore distinto
      ti nutri del mio nettare,
      fra mille fiori.
      Quando ti sollevi
      alita tra i venti
      un soave fruscio
      voci lontane
      che parlano
      della tua avvenenza
      ed io smosso
      come un rubino
      amaranto,
      mi rattristo.
      Ma volteggi nell'aria
      ombreggiando la mia
      luce,
      e poi delicata
      plani sulla mia bocca
      per nutrirti di baci.
      Tanto l'amore che hai
      tanto l'amore che ho,
      che mi lascio cullare nel vento,
      tu macaona di giallo
      bella come il sole,
      sfamati di me nettare d'amore!
      Claudio Visconti De Padua
      Composta giovedì 22 novembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di