Poesie di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

A mio padre

Costellavi la mia anima
con dolce premura.
Ecco ora c'è un vuoto
il mio scudo è fiaccato
vivo disarmato
in un mondo ostile.
Nell'agonia tendevi la tua mano
sulle mie gote
bagnate da lacrime
e sfiorari la mia chioma
come per accudirmi
quando invece la morte ti stava braccando!
Quella mano tremante
linguaggio offeso del male inaspettato
io la stringevo,
e con l'altra massaggiavo
il tuo petto dolente!
La tua voce spenta
ma gli occhi vigili.
io leggevo la tua sofferenza
e nulla potevo
se non abbracciarti
e pregarti di non lasciarmi
in questo mondo
che tu stesso dicevi finito!
È giunse la fine della tua vita terrena
e il tuo spirito in Dio Riposa.
Nulla mai occuperà quel vuoto
si allarga come un cerchio
in uno stagno quando colpito
da un sasso.
Si allarga il dolore come il tempo
il ricordo impresso
del tuo amore
allevia il mio dolore!
Riposa padre
un giorno sarò di nuovo con te!
Claudio Visconti De Padua
Composta domenica 26 gennaio 2014
Vota la poesia: Commenta

    Auguri di cosa?

    Ecco l'anno è passato
    triboli e spine
    hanno trafitto
    uomini e donne
    senza riparo
    senza denaro
    uccisi da un mondo
    amaro!
    Pochi son quelli
    che hanno gioito
    in verità
    per un ricco
    la sorte è migliore
    ma la vita di certo
    è fatta di morte
    anche per
    questi egoisti signori!
    Auguri
    buon anno a tutti
    diciamo come un rituale
    la verità
    che questa è
    una società animale!
    La crisi
    serpeggia
    sulle famiglie
    chi l'ha voluta
    questa valuta?
    Un inganno ingoiato
    ci ha avvelenato
    l'ansia del mese
    che presto scorre
    non riusciamo
    più
    a contenere
    le spese che un tempo
    potevamo affrontare
    son diventate
    un sogno
    di un tempo migliore.
    Auguri di cosa
    cari signori?
    Di una luce nel tunnel
    che pian piano
    si sfuma?
    Questo mondo
    è un abisso
    senza riparo
    tutti cadremo
    in un ignoto destino
    speriamo sia meglio
    di questo
    fallito!
    Claudio Visconti De Padua
    Composta mercoledì 1 gennaio 2014
    Vota la poesia: Commenta

      Tu al mio risveglio

      Tu al mio risveglio
      sei l'alba di un sogno,
      l'acqua che sgorga
      su deserto di rocce
      la luce nell'ombra
      della tempesta!
      Con la tua bocca
      io bacio una rosa
      nei tuoi occhi
      uno specchio
      una prosa.
      Il tuo rifugio
      è nelle mie braccia
      la tua anima il mio
      nascondiglio,
      fosse distante anche di un miglio!
      C'è un amore che grida nel petto
      la voce di un cuore
      che trema nel letto
      tutto il giorno
      io tremo d'affetto!
      Suvvia abbandona le tue paure
      falle morire col tuo amore
      di ore o minuti
      è fatta la vita
      vivila ora la tua passione
      domani chissà
      andra'in vapore!
      Claudio Visconti De Padua
      Composta giovedì 26 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Ero (s)muto

        Colmi di timido silenzio,
        gli occhi fradici di passione
        immobili i corpi
        paralizzati, inermi,
        frasi dette con l'anima
        le parole scritte col cuore
        e recitate con sguardi.
        Noi due e del mondo senza,
        soffici respiri
        ad accaldarci l'anima
        fusi in un complice
        linguaggio
        fatto
        di speranze
        di gioie
        di carezze.
        Noi con le anime
        incatenate
        in viaggio
        tra sogni
        stelle
        tra stelle
        luci in penombra
        fuse in un connubio
        d'estasi!
        Claudio Visconti De Padua
        Composta martedì 17 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta

          Ti voglio

          I tuoi occhi
          sui miei
          ricchi di luce,
          la tua bocca
          un ponte tra anime illuse,
          le mani tremanti
          sulla tua pelle,
          le gote sfiorate
          dalle tue trecce dorate!
          Profumi s'intrecciano
          tra brezze di vento
          i corpi che bevono
          passione e talento.
          Io penso e ripenso
          all'amore così intenso
          ci sarà lo spero
          ancora un momento
          oh l'anima in pena
          fino a quel giorno!
          Claudio Visconti De Padua
          Composta martedì 10 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di