Scritta da: Horion Enky

Gitana

Scrivo una poesia d'amore per te,
sulle musiche di zingari,
che danzano sensuali balli,
in una notte di luna piena.
Ubriaco d'amore, son di te, mia bella gitana,
dai lunghi e setosi capelli, di nero corvino
che, maliziosamente, fai scivolare,
sfiorando il mio corpo con suadenti carezze
e provocandogli fremiti di desiderio travolgente
e di mera passione.
I tuoi occhi risplendono
delle stelle del cielo, traboccanti d'amore.
Vaso scoperchiato di Pandora,
dove perdere mi voglio, in tutti i suoi vizi tentatori.
Donna ancestrale,
onda del mare. In cui io,
come arenile, da te, mi lascio cullare.
Bello il tuo corpo, di venerabile natura
che, al pari di lei, nasci dalla spuma,
mia perla di cui, il corpo abbronzato, vieni a me donare.
Tu sei poema, poesia scritta tra le note.
A me, tu sei arrivata,
in una notte di luna piena, mia bella gitana.
Claudio Bizzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Horion Enky

    Anima mia

    Sto indossando il vestito
    con il quale la mia anima
    ha deciso di mostrarsi
    in questa vita terrena,
    dando così corpo
    ai miei pensieri e ai sentimenti.
    I sensi hanno presa vita,
    percepisco il tuo amore,
    lo sento lo tocco e lo vivo.
    Ti amo anche quando non sei con me,
    perché tu sei il ponte
    che mi unisce all'infinito,
    un amore che diventa immortale.
    Claudio Bizzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Horion Enky

      Davanti a Dio

      Ti manterrò nei miei pensieri
      anche quando posson sembrar
      solo dei sogni veri.
      Ti porterò per sempre nelle mie giornate
      nonostante le nostre lunghe litigate.
      Ti sosterrò in ogni momento
      divenendo la tua solida base di cemento
      che ti eleverà a monumento.
      Ti amerò per sempre,
      perché quello l'ho giurato davanti Dio
      e non al vento.
      Claudio Bizzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Horion Enky

        Vita mia cara amica

        Ti sei nascosta dentro i miei passi,
        confondendoti nelle impronte del passato,
        l'inquietudine tradiva i ricordi,
        troppo lontani per viverli nel presente.
        Marosi i pensieri, smossi dall'increspar delle onde,
        trascinati via come fine sabbia,
        vanno a morir nel profondo dell'oblio
        che l'anima fugge dal perfido tempo.
        Non hai ali che nell'alto del cielo si lasciano portar dal vento,
        incline ai dubbi, confusa ricerca del cuore,
        tu vuoi sanare le cicatrici dell'amore
        che chiuso dentro di una gabbia dorata, muore.
        Non vi sarà pianto o riso a ridestar il sorriso spento,
        quello che insegui lasciandoti trasportare dal vento,
        il quale non cancella le orme degli errori del passato,
        ma le ricopre solo di una patina accumulata
        e fatta più delle volte di indifferenza e rancore.
        Così te ne stai a rimirar chi ti può essere sembrato
        un tempo il faro,
        cercando di comprendere e farti illuminare dalla le luce
        che illuminava il suo cammino,
        ma cieca inciampi nelle ombre dei suoi errori.
        Amica tu allunga le mani e aggrappati al tuo domani,
        perché sarà solo esso a condurti dritta al tuo futuro,
        fatto di gioie e i di dolori, ma questa è la vita.
        Claudio Bizzi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di