Scritta da: Blu Finch

Sonnambula personalità

Stanotte son sveglio...
non riesco a dormire.
Restar a letto non serve...
Aspettando le dolci
note di Morfeo,
avvicino le mie membra
alla quiete notte
con questi pensieri
che spero terrai in te.
(È vero non succederà)
Non sono un "prezioso"
e nient'altro importa.
(Non cambierò idea)
Mi dispiace e purtroppo
proprio non capisco!
Dolcezza.
Credo che tu lo sia.
I miei "scritti" non
hanno ostacoli e le
"parole" non arrivano
mai a destinazione.
È vero ("lo sai"), ma
purtroppo non mi conosci.
Non andrò in "mare".
A volte "affondo"
nelle mie illusioni.
A volte "nuoto"
nelle mie speranze.
In vero... non riesco a nuotare.
Tutto questo:
una risposta alla tua
"sensibile" proposta
arrivata silenziosamente
così... in tarda notte.
Tutto questo:
stupide parole
che cercano un "senso"
tiepido e rumoroso
nell'incerto destino.
Ti prego
perdonar e cancellar
tu vorrai queste
poche righe vaganti
di una sonnambula personalità
che si illumina di notte e
si oscura di giorno.
Blu Finch
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di