Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Barbara Brussa

Nato martedì 7 luglio 1970 a Venezia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Barbara Brussa

Alle origini del sogno

Conducimi alle origini della notte
laddove sorge il punto d'argento
quando il giorno invecchia e muore
e il silenzio evapora
i rumori sordi del quotidiano

Conducimi fra le braccia
d'una luna piena
che tesse le trame del sogno
con fili di madreperla

Portami... portami tu
in un lirico volare
in seno alla madre
di tutti i sognatori
impazziti d'amore.
Composta mercoledì 16 luglio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Brussa

    Spirito libero

    Sono nata libera,
    e anche fra le lacrime sorrido.
    Anche con le ali brutalmente strappate
    e la carne annichilita,
    segregata in una gabbia,
    sorriderò sempre alla stupidità
    di chi non sa che gli spiriti liberi
    volano comunque in altre dimensioni,
    irraggiungibili e inviolabili.

    Se mai il destino avverso
    dovesse trovarmi
    in ginocchio sul pavimento,
    sappia fin d'ora che l'anima mia
    mai striscerà sul fango della vita,
    giacché essa si muove vaporosa
    in un altrove di cristallo.
    Libera di volare nell'immenso.

    Felicemente ancorata
    a quel mio mondo interiore,
    che risulta invisibile ad occhi che,
    pur potendo vedere,
    restano intrappolati
    nella dannazione della cecità.

    Uno spirito libero
    che non si fa toccare da mani rozze.
    Vivo in un mondo invisibile,
    ma più reale e vero che mai.
    Composta lunedì 31 marzo 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Brussa

      Il tocco delle tue labbra

      S'intrecciano i respiri,
      in unico soffio di passione.
      Cavalcando labbra giunte,
      varchiamo i confini della carne,
      spalancando le porte dell'Eden.

      Il tocco della tua bocca
      sulla mia
      fa tremare la notte.

      Un brivido infinito
      squarcia il buio,
      e noi
      fusi in un quartetto di labbra
      ad occhi chiusi, sentiamo
      nascere l'alba.
      Composta mercoledì 9 aprile 2014
      Vota la poesia: Commenta